HomeDietaGiornata nazionale del Fiocchetto Lilla

Giornata nazionale del Fiocchetto Lilla

Sanihelp.it – La giornata del Fiocchetto Lilla che ricorre il 15 marzo a partire dal 2018 è un’importante occasione per sensibilizzare sui disturbi del comportamento alimentare (DCA).  Quello dei disturbi della nutrizione e dell’alimentazione (DNA) è un problema di grossa entità: secondo i dati della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, solo nel 2023 si sono registrati 1.680.456 nuovi casi.


Altrettanto allarmanti i dati del Ministero della Salute, che rivelano che in Italia negli ultimi tre anni (2019-2022) il numero di persone che ne soffrono é più che raddoppiato, raggiungendo oltre i tre milioni – pari al 5% della popolazione nazionale – dei quali il 95% sono donne, con il 30% della popolazione ammalata di età inferiore ai 14 anni e un aumento della popolazione maschile che ne è affetta. 

Non si tratta semplicemente di abitudini scorrette legate al cibo, ma di disturbi di natura psichiatrica con un’alta frequenza di complicanze mediche, che possono portare anche alla morte.

Per questo richiedono un trattamento specifico e la collaborazione tra diverse figure professionali, che si occupino in modo integrato di questi diversi aspetti, psicologico-psichiatrici, nutrizionali e medico- internistici.

Per promuovere la salute intesa come pieno benessere psico-fisico anche nella fascia di popolazione più giovane, il Gruppo di Lavoro SINU (Società Italiana Nutrizione Umana) – Education, coordinato da Matilde Borriello, ha dedicato diversi progetti mirati alla formazione degli insegnanti ed alla diffusione nelle scuole di ogni ordine e grado dei documenti di riferimento come i LARN, formulati dalla Società Scientifica, organizzando attività di divulgazione, formazione e aggiornamento.

Una categoria particolare a rischio di sviluppare disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono i soggetti che praticano attività sportiva e gli atleti a ogni livello di competizione.

Una particolare attenzione all’immagine e alle forme corporee, il dover rimanere in una specifica categoria di peso, il dover indossare uniformi o costumi, così come la pressione derivante dal raggiungimento della vittoria, possono essere fattori scatenanti per un disturbo alimentare. Trattandosi di una vera e propria patologia, il riconoscimento ed il trattamento precoce sono fondamentali per aiutare i soggetti colpiti.

Tuttavia, a differenza di altre situazioni, spesso il soggetto affetto non percepisce il disturbo come malattia e non accetta di intraprendere un percorso di cura, pensando che una »dieta» o anche un’attività fisica esasperata possa portare alla risoluzione del problema. In Italia è ancora troppo scarsa l’attenzione ai segnali di disagio psicologico e tuttora si assiste alla stigmatizzazione nei confronti di chi necessita e richiede un aiuto psicologico-psichiatrico.

«I disturbi del comportamento alimentare sono una patologia complessa » afferma Livia Pisciotta, membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Nutrizione Umana.

«Sono classificati come una malattia psichiatrica per cui devono essere diagnosticati prioritariamente dallo psichiatra e trattati da equipe multidisciplinari, in quanto comportano come conseguenze patologie importanti, che possono compromettere seriamente la salute di tutti gli organi e apparati del corpo (cardiovascolare, gastrointestinale, endocrino, ematologico, scheletrico, sistema nervoso centrale, dermatologico, ecc.) e, nei casi gravi, portare alla morte. Una volta identificato il problema è indispensabile, quindi, un approccio multidisciplinare ed integrato e garantire la continuità delle cure, che possono durare anni o anche tutta la vita».

Negli ultimi tempi si è anche ampliato lo spettro dei disturbi alimentari, con nuove patologie emergenti come vigoressia, pregoressia, drunkoressia, ortoressia, ecc.

Nonostante l’aumento di queste patologie, diffuse in tutto il territorio nazionale, persiste una difficoltà di accesso alle cure in molte regioni italiane, con gravi conseguenze sulla prognosi, che risulta essere influenzata soprattutto dalla precocità dell’intervento e dall’adeguatezza del percorso assistenziale.

Le 126 strutture censite nella mappatura territoriale dei Centri dedicati alla cura dei DAN, realizzata dal Ministero della Salute, sono insufficienti rispetto al numero crescente di pazienti che necessitano di cure appropriate e posti disponibili, distribuiti in modo omogeneo tra Nord, Centro e Sud.

Sono necessari nuovi centri, strutture residenziali e ambulatori specializzati su tutto il territorio nazionale, per garantire ai pazienti che soffrono di DAN, cure ed ambienti adeguati, anche in vista della sempre più giovane età dei soggetti colpiti.

«Dobbiamo continuare a costruire una rete di prevenzione e protezione, che coinvolga le diverse figure professionali sanitarie (psichiatri, psicologi, psicoterapeuti, dietisti, dietologi e nutrizionisti, endocrinologi, gastroenterologi, cardiologi, pediatri ecc.), le associazioni dei pazienti e delle famiglie, come la Fondazione Fiocchetto Lilla, già attiva da anni, e tutte quelle che operano a livello nazionale e territoriale, le scuole, le società sportive, i gruppi di aggregazione dei giovani. Un percorso comune e condiviso, che va dall’informazione alla diagnosi precoce e alla cura, in base alla gravità del quadro clinico, in settings sempre più complessi, dall’ambulatorio al ricovero ospedaliero, fino alla terapia intensiva» conclude Livia Pisciotta.

Sono molto numerose le iniziative sul territorio italiano per la Giornata: in particolare diverse associazioni e fondazioni operanti in Lombardia nel campo dei Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione (DNA), coordinate dalla Fondazione Maria Bianca Corno in qualità di soggetto capofila con ruolo di coordinamento progettuale (Coordinamento Scientifico: Dott. A. Chinello), si sono unite con l’obiettivo di favorire una maggiore sensibilizzazione rispetto a questi disturbi proponendo una Settimana Lilla (9-16 marzo 2024).

Durante questa settimana, le associazioni regionali di operatori e familiari sono attive nel campo della prevenzione e psico-educazione ai DNA, nonché nell’orientamento delle famiglie ai servizi specialistici territoriali.

Le attività saranno svolte da operatori sanitari (psicologi, psichiatri, educatori, infermieri, nutrizionisti) e dai rappresentanti delle varie associazioni-partner e ogni iniziativa sarà dedicata a sottopopolazioni specifiche (es. cittadini, genitori, docenti e studenti, allenatori) e realizzata in relazione alle variazioni epidemiologiche e alle disposizioni ministeriali legate alla pandemia da COVID-19.

Video Salute

FonteSINU

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...