HomeFitnessGravel biking, una disciplina versatile

Gravel biking, una disciplina versatile

Sport e fitness

Sanihelp.it – Cosa significa gravel? In inglese vuol dire terriccio, o ghiaia, perché la gravel bike è stata ideata per percorrere proprio le strade sterrate e i terreni ghiaiosi, praticamente una via di mezzo tra il ciclismo su strada e la mountain bike.


Probabilmente originario degli Stati Uniti, il gravel offre ai ciclisti l’opportunità di provare una disciplina attenta solo a velocità e tecnica, lontana dal traffico cittadino.

Questa bicicletta riprende la geometria di una bici da strada, ma i suoi componenti sono più robusti, gli pneumatici sono più larghi e dentati, il manubrio è ricurvo e i freni sono a disco per una migliore efficienza quando si pedala sotto la pioggia o su strade fangose.

Che differenze ci sono tra gravel e mountain bike? La rigidità di un telaio da gravel, combinata con la posizione bassa e allungata in avanti tipica del manubrio basso, offre un’efficienza e un’aerodinamica maggiori sui sentieri sterrati.

Il manubrio curvo offre anche una maggiore varietà di posizioni per le mani, che può essere utile per ridurre al minimo i disturbi a mani e polsi, mentre le mountain bike hanno manubri dritti. Inoltre, la bici gravel è in genere più leggera, il che la rende più dinamica ed efficiente.

 

Pedalare in gravel permette di uscire dai sentieri battuti, di avere accesso a strade sterrate, ma anche di percorrere le strade asfaltate che spesso presentano buche e disallineamenti.

Oltre a questo, ci sono numerose manifestazioni di gravel biking in Italia, soprattutto all’insegna del divertimento e del voler stare in compagnia in mezzo alla natura.

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...