Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Home > Dieta > Pasta per cena? Perché no?

La pasta a cena: quando e perché

Pasta per cena? Perché no?

di - Sanihelp.it
Pubblicato il: 12-03-2019

Chi pensa che sia un must solo dell'ora di pranzo dovrà ricredersi: ecco perchè la pasta può essere una scelta per la cena, nutrizionalmente corretta



4 - Pasta di sera: le regole fondamentali


<
Pasta di sera: le regole fondamentali
© iStock

4 - Pasta di sera: le regole fondamentali


La pasta a cena si può servire, ma ogni porzione dovrebbe essere al massimo di 80 g perché dalla cena dovrebbe arrivare il 30% dell’intake calorico giornaliero.

Bisognerebbe prediligere la pasta integrale perché ha un indice glicemico più basso e contiene più vitamina B, rispetto alla pasta “gialla”.

In alternativa, si può abbinare la pasta tradizionale con i legumi che contengono vitamina B.

I formati lunghi aumentano il senso di sazietà: a parità di calorie ci si sente  più sazi (e soddisfatti). Per condire bisogna usare l’ olio, meglio se a crudo: è un toccasana anche per il suo potere di spegnere le infiammazioni.

La pasta, infine, deve sempre essere al dente: la cottura perfetta, con una masticazione lunga rende la pasta  più buona e digeribile. 



Clicca qui sotto per vedere i consigli:

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione-Comunicato stampa

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?