HomeNewsNuova arma contro le allergie ai cosmetici

Nuova arma contro le allergie ai cosmetici

Sanihelp.it – Le dermatiti da contatto, che rappresentano oltre il 50% delle malattie cutanee infiammatorie, sono patologie sempre più frequenti, sia nella varietà professionale, strettamente legata all’ambiente di lavoro, sia in quella extraprofessionale.
Da studi statistici recenti è risultato che l’80% delle dermatiti da contatto è di tipo irritante, ovvero non allergica e dovuta al contatto con prodotti di uso quotidiano, mentre il 20% è di natura certamente allergica. 

Il punto sulle più frequenti sostanze chimiche in grado di provocare, oggi, una reazione allergica cutanea è stato fatto nel corso del 7° Congresso della Società Italiana di Dermatologia Allergologica professionale e ambientale (SIDAPA), conclusosi da poco a Modena.
A tutt’oggi i Dermatologi ricercatori ne hanno identificate più di 3.000. Accanto agli allergeni più comuni, come i metalli e il nichel in particolare, le sostanze più spesso coinvolte sono quelle contenute nei cosmetici: essenze profumate, preservanti, parafenilendiamina (ancora di largo impiego nelle tinture permanenti per capelli), alcoli della lanolina e lo stesso nichel, presente come contaminante nei processi di lavorazione dei cosmetici.

Una soluzione moderna ed efficace a questo problema, che riguarda soprattutto le donne, è emersa proprio dal Congresso di Modena.
Gli studi della Società Italiana di Dermatologia Allergologica professionale e ambientale (SIDAPA) ha messo a nno infatti permesso di mettere a punto un apposito prontuario, attraverso il quale i pazienti con dermatiti da cosmetici possono scegliere, su indicazione dello specialista dermatologo, quei cosmetici in commercio che permettano loro di evitare i componenti ai quali sono divenuti allergici.
«Per la prima volta in Italia, e presumibilmente in Europa, le persone allergiche ai cosmetici possono ricorrere, per evitare guai ad un’arma pratica e semplice – ha commentato Fabio Ayala, direttore della Clinica Dermatologica dell’Università Federico II di Napoli – Infatti, dopo che è stata identificata mediante semplici e apposite prove allergometriche cutanee la sostanza che si desidera evitare, il programma on-line ideato dalla SIDAPA per i dermatologi, è in grado di scegliere tra diverse tipologie di prodotti». 

Infine, grazie al rivoluzionario sistema è possibile fare un’ulteriore selezione in base all’azione prevalente (idratante, emolliente, opacizzante…), all’eventuale indicazione di impiego (cute sensibile, cute secca o mista, dermatite atopica…) e anche al tipo di formulazione (detergenti, creme, paste, oli…). A richiesta dello specialista dermatologo, il programma elenca in una speciale lista i prodotti dotati delle caratteristiche richieste, tenendo anche conto dell’età del soggetto. Ssono segnalate anche le informazioni dedicate all’età pediatrica.

Ultime news

Storie di profumi

No alcol in gravidanza

Gallery

Lo sapevate che...