HomeNewsRaffreddore e influenza: le tue domande

Raffreddore e influenza: le tue domande

Malattie da raffreddamento: prevenzione e cura

Sanihelp.itInfluenza e raffreddore si possono prevenire? Per l’influenza la migliore prevenzione è il vaccino. Non esiste invece alcun tipo di prevenzione efficace per le altre forme di raffreddamento.
Alcuni comportamenti possono però essere di aiuto: mantenere la temperatura delle abitazioni non oltre i 20-21 gradi; evitare gli ambienti chiusi e affollati; seguire un’alimentazione appropriata: abbondare in cereali integrali, verdura e frutta, specialmente agrumi, per il contenuto in vitamina; evitare un’alimentazione eccessiva: questa determina infatti un superlavoro dell’organismo e compromette la capacità di difendersi dai virus; evitare il contatto con le persone già ammalate; coprire naso e gola quando si è all’esterno; lavarsi spesso le mani (veicolo privilegiato di contagio); evitare di strofinarsi gli occhi o toccarsi mani e bocca.

Si possono curare? È possibile attuare la prevenzione dell’influenza (ma non del raffreddore), grazie al vaccino allestito annualmente in previsione dell’epidemia influenzale, efficace e sicuro. Tutte le persone a rischio (adulti con più di 65 anni e bambini di età superiore ai 6 mesi affetti da patologie croniche) dovrebbero essere vaccinati. Nel caso ci si ammali (anche chi è vaccinato contro l’influenza in alcuni casi può ammalarsi e a maggior ragione chi non è vaccinato) è possibile alleviare i sintomi con i farmaci di automedicazione: antipiretici, analgesici, antinfiammatori, decongestionanti nasali.
Per combattere il virus dell’influenza e la sua diffusione, inoltre, esistono i farmaci antivirali, che ne bloccano la replicazione. I farmaci antivirali non sostituiscono in alcun caso la vaccinazione, ma la possono integrare e devono sempre essere prescritti dal medico. Il ricorso agli antibiotici è controindicato tranne nei casi, che deve valutare il proprio medico curante, di complicazioni batteriche.

E per i bambini? Le sindromi da raffreddamento nei bambini piccoli (sotto i due anni) possono essere efficacemente affrontate con paracetamolo. Inoltre risultano molto efficaci (e del tutto privi di tossicità) i lavaggi nasali con soluzione fisiologica.

Che cosa fare quando ci colpiscono? Riposo a letto e al caldo, ma senza coprirsi troppo per non ostacolare la riduzione della temperatura corporea. Alimentazione quotidiana da suddividere in 4-5 piccoli pasti a base di cibi facilmente digeribili e ricchi di vitamine e micronutrienti utili alle difese immunitarie. È utile consumare regolarmente frutta e verdura di stagione privilegiando agrumi, pere, mele, cavolo, verze, cipolle. Bere molti liquidi perché l’idratazione migliora il funzionamento delle cellule dell’apparato respiratorio.

Video Salute

FonteANIFA

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...