Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Perfetti in viaggio e in vacanza

Struccarsi con salviette e dischetti

di
Pubblicato il: 31-07-2018

Sono già pronti all'uso, fatti con supporti dermocompatibili e con attivi trattanti, specifici in base al tipo di pelle. Ecco perché sceglierli per la detersione serale di viso e occhi.


Struccarsi con salviette e dischetti © iStock

Sanihelp.it - Sono l’ideale d’estate, perché soddisfano tutte le necessità di chi viaggia: sono sottili, tascabili, pratiche e veloci da usare. Le salviettine struccanti sono una trovata cosmetica non recente, ma negli ultimi tempi le formulazioni sono migliorate, per consentire anche a chi non poteva permettersi la detersione senza risciacquo, come le pelli sensibili, una soluzione prêt-à-porter efficace e sicura.

Oggi sono formulate con acqua micellare, l’ideale per detergere ed eliminare anche il make up più ostinato, senza alterare il film idrolipidico della cute, e addizionate con attivi idratanti, per non seccare la cute, specifici in base al tipo di pelle. «La micella agisce come un vero captatore di impurità – spiega la dottoressa Gabriella Daporto, farmacista cosmetologa - Sulla pelle, attira  le impurità per inglobarle, rispettando il film idro-acido-lipidico. La pelle è pulita e struccata senza irritazioni».

In tessuti delicati, non irritanti e dermocompatibili, imbevuti di attivi detergenti, le salviette tagliano i tempi davanti allo specchio perché riuniscono in un solo gesto detersione, struccaggio e trattamento. Sceglietele dermatologicamente e oftalmologicamente testate, senza alcol né parabeni e biodegradabili, meglio se imbustate singolarmente: sono più igieniche, non si seccano e sono anti-spreco. Stanno nella tasca del trolley da weekend o nel borsone della palestra.

Se usate quelle in confezione multipla, richiudete con cura l’etichetta per preservare la freschezza delle salviette rimanenti e conservatele al fresco. In caso di trucco pesante, si consiglia di usarne almeno due alla volta: una per gli occhi e l’altra per viso e labbra. Poi passate il tonico o la lozione.

Gli ingredienti si differenziano in base al tipo di pelle: attivi sebonormalizzanti e opacizzanti per le pelli grasse, impure e a tendenza acneica, purificano in profondità, esfoliano delicatamente e riducono la formazione di comedoni e punti neri. Attivi idratanti per le pelli secche, calmanti e lenitivi per quelle sensibili. Ci sono poi le salviette esfolianti con una doppia azione: le sottili microsfere del tessuto agiscono meccanicamente, mentre gli attivi naturali che stimola la rigenerazione cellulare hanno un'azione biologica. Ottime anche per il corpo.

Altre sostituiscono il tonico: grazie all'azione astringente rende la pelle più tonica e luminosa e la prepara ai trattamenti successivi: la pelle è più ricettiva ad assorbire le proprietà dei prodotti applicati successivamente. Si passano sul viso dopo la detersione, prima del siero o della crema abituale, mattina e sera. L’ultima novità sono i dischetti: più piccoli, in tessuto a trama intrecciata, sono l’ideale per un uso specifico sugli occhi. Alcuni sono testati anche sui portatori di lenti a contatto.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
redazione

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?