Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I consigli degli esperti

Pelle a tendenza atopica: consigli per i genitori

di
Pubblicato il: 30-10-2018

Fragilissima, la pelle a tendenza atopica può condizionare la vita di bimbi e genitori. Ecco qualche consiglio utile e i risultati degli ultimi studi.


Pelle a tendenza atopica: consigli per i genitori © iStock

Sanihelp.it - Nel mondo, il 20% dei bambini ha la pelle a tendenza atopica. Le mamme e i papà dei bambini con questa condizione sanno che ciò ha un significativo impatto sulla qualità della vita. Non solo causa prurito e disagio, ma può anche condizionare la vita sociale, l’andamento scolastico e le notti di riposo. L’85% dei genitori ritiene che questo disagio abbia un impatto anche sul loro stato emotivo, rivela uno studio clinico La Roche-Posay condotto in 8 centri internazionali. 

È stato dimostrato che, se paragonati ai bambini con la pelle senza condizioni cutanee particolari, i bambini con la pelle a tendenza atopica, in media, dormono un’ora in meno per notte. Circa 9 su 10 hanno problemi di sonno e trascorrono un quarto delle loro notti a grattarsi.

Uno studio di La Roche-Posay, primo nel suo genere, ha misurato l'impatto del miglioramento dei segni della pelle a tendenza atopica sulla qualità del sonno dei bambini, dimostrando che l’utilizzo di prodotti specifici per questo disturbo ha un impatto sul prurito e quindi sul sonno e sulla qualità della vita e di quella delle famiglie. È stato possibile osservare che questi prodotti allungano del 42% la durata del sonno dei bambini, consentendo anche ai genitori di dormire più a lungo, e riducono del 38% la sensazione di prurito. 

Oltre all'utilizzo di prodotti specifici (delicati, ipoallergenici, privi di profumo e di sapone), è importante seguire alcune accortezze quotidiane. Il momento del bagnetto non deve durare più di 10 minuti e la temperatura dell’acqua non deve essere superiore ai 35°C. Aggiungere qualche goccia di olio bagno specifico per bambini con pelle a tendenza atopica per ammorbidirla e compensare la secchezza del post-bagnetto. Dopo il bagnetto, asciugare il bambino tamponando delicatamente la pelle (non sfregare) con una salvietta di cotone.

Per migliorare la capacità della pelle a difendersi contro gli allergeni e per fermare il prurito, proteggerla con un prodotto emolliente, ricco di lipidi e formulato per neonati e bambini. Applicare il prodotto emolliente una volta al giorno dopo il bagnetto sul viso e sul corpo (due volte al giorno in caso di estrema secchezza).

Massaggiare la pelle del bambino utilizzando la crema (o il balsamo), con movimenti piccoli e leggeri. Prestare attenzione a non applicare sulle macchie dell’eczema aperte, che devono essere trattate con un dermocorticoide. Non applicare i prodotti con i guanti o con spugnette. Per evitare che il bambino crei lesioni grattandosi, tagliere le unghie regolarmente tenendole al livello della lunghezza dito.

No a tessuti grossi come la lana e i sintetici.  Preferire i tessuti 100% cotone o fibre di struttura fine. Vestire a strati il bambino quando fa freddo e optare per uno stile comodo e non attillato.Non utilizzare ammorbidenti e prodotti contenenti fosfati, seguire le raccomandazioni sulle tempistiche del risciacquo per eliminare tutte le tracce del detergente.

Dimenticare diete speciali e non sospendere l’introduzione di un alimento a meno che non sia il medico a raccomandarlo. Senza disinfettare la casa completamente (alcuni germi sono fondamentali per rafforzare il sistema immunitario), passare spesso l’aspirapolvere, far arieggiare la casa tutti i giorni, lavare la biancheria del letto e i peluche frequentemente, scegliere lenzuola di cotone. Umidificare l’aria se è troppo secca, utilizzare un materasso anallergico e anti-acaro e una rete a doghe. Evitare, se possibile, moquette e tappeti. Optare invece per parquet, piastrelle o mattonelle in PVC.

La temperatura nella stanza del bambino non deve essere mai né troppo alta né troppo bassa, all’incirca sui 19°C. ll piccolo potrebbe sviluppare sensibilità al pelo degli animali. Non permettere di farli dormire nella stessa stanza. Non esitare a far spostare i fumatori cronici nel giardino. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
La Roche-Posay, Mustela

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?