Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

È uno stile ibrido che nasce dalla fusione di due stili

Flamenco arabo, la danza all'insegna della femminilità

di
Pubblicato il: 30-10-2018

Unisce alle splendide coreografie il fascino della mise: gonne lunghe e top che lasciano vedere la pancia, ma anche l'uso di accessori, tra cui il ventaglio, i tamburelli


Flamenco arabo, la danza all'insegna della femminilità © iStock

Sanihelp.itIl Flamenco arabo nasce dalla fusione di quello andaluso con la danza orientale. Due mondi lontani ma simili, cioè quello della Spagna e quello arabo. Esistono in questi tipi di danze degli elementi comuni: volteggi, movimenti ondulatori, ampi gesti con le braccia e le oscillazioni con il bacino.

È una danza di creazione moderna, anche se affonda le sue radici nel mondo spagnolo andaluso, dove è appunto nato il flamenco, che a lungo è stato soggetto alla dominazione araba. Gesti intensi, sensuali e morbidi si riscontrano in questo stile ibrido. È ideale per chi vuole far emergere sensualità ed eleganza.

Alle splendide coreografie si unisce il fascino della mise: gonne lunghe e top che lasciano vedere la pancia, ma anche l’uso di accessori, tra cui il ventaglio, il bastone, il tamburello, le nacchere e il sagat: piccoli cembali da dita tipici del mondo arabo. Strumenti che permettono alle danzatrici di esprimere le proprie emozioni e i propri sentimenti. Alcuni pezzi poi si ballano a piedi nudi, come avviene in Medio oriente, altri con le scarpe del flamenco con un rumoroso e ritmato gioco dei piedi.

È uno dei balli che ha avuto maggior successo nell’ultima edizione della rassegna Danzafiera. Il Flamenco arabo insomma comprende sia i gesti intensi, sensuali e morbidi, che sono tipici delle danze dell’antica corte persiana e del mondo arabo, sia il calore, la passione e l’espressività del flamenco tipico della Spagna caliente.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?