Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il ghiaccio? Un vero alimento. Occhio alle contaminazioni

di
Pubblicato il: 30-07-2019


Il ghiaccio? Un vero alimento. Occhio alle contaminazioni © iStock

Sanihelp.it - Scarsa igiene, mancanza di sanificazione dei macchinari, manipolazione impropria: sono diverse e numerose le cause della contaminazione del ghiaccio che finisce nei bicchieri, a casa e fuori casa. Si tratta di un problema su cui, con l’arrivo dell’estate, diventa sempre più urgente intervenire. Da una ricerca condotta da Inga Istituto nazionale per il ghiaccio alimentare Inga, l’associazione che raccoglie le più importanti aziende nazionali produttrici di ghiaccio alimentare, in collaborazione con l’assessorato alla salute della Regione Sicilia e le Asp della Regione, è infatti emerso che circa 1 locale su 4 produce e utilizza ghiaccio non conforme alle normative, risultando contaminato per una mancanza di attenzione igienica nella fase della produzione, della conservazione e della manipolazione.

Non tutti sono consapevoli del fatto che il ghiaccio alimentare, utilizzato come refrigerante (per esempio nelle preparazioni culinarie) o come ingrediente, va considerato a tutti gli effetti un alimento - e quindi trattato prestando la massima attenzione a come viene prodotto, manipolato e conservato -, con il risultato che la tendenza generale è quella di sottovalutare il rispetto di norme e prassi igieniche. Il ghiaccio può essere infatti contaminato da diverse specie di batteri e agenti chimici a causa dell’utilizzo di acqua non pura e/o di carenze igieniche in fase di stoccaggio, manipolazione e utilizzo, con conseguenze che vanno da piccoli disturbi a effetti ben più gravi se a consumare ghiaccio contaminato sono bambini, persone anziane o malate.

Anche quest’anno sono stati molteplici le piccole e medie imprese che non hanno superato i controlli. Ma il rischio si rivela alto anche per le produzioni casalinghe, a cui sempre più famiglie ricorrono nei caldi mesi estivi. Per questo Inga ha ideato un decalogo delle regole da rispettare per fare il ghiaccio in casa in sicurezza: dalla corretta pulizia del freezer e delle vaschette per il ghiaccio, alle temperature e ai tempi di conservazione, fino alla manipolazione dei cubetti. Per ovviare al rischio contaminazione, a casa ei locali, il consiglio è di affidarsi ad aziende certificate che producono ghiaccio alimentare confezionato.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?