Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cuore: 5 regole di salute secondo il wellness molecolare

di
Pubblicato il: 25-09-2019


Cuore: 5 regole di salute secondo il wellness molecolare © iStock

Sanihelp.it - Come ogni anno a partire dal 2000, l’ultima domenica di settembre è il World Heart Day, la giornata internazionale per la salute del cuore. Un tema di cui non si parla mai abbastanza, soprattutto in Italia, dove le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte: secondo l’Istat, nel 2016 i decessi sono stati quasi 222mila, il 35,9% del totale, ben più di quelli per tumore (29%).

Più in generale, queste patologie compromettono la qualità della vita (il 4,4 per mille dei nostri concittadini è affetto da invalidità cardiovascolare) e pesano sul sistema sanitario nazionale, come dimostra il fatto che il 23,5% della spesa farmaceutica italiana sia destinato a farmaci per il sistema cardiovascolare (Relazione sullo stato di salute del Paese, 2000).

Per il 29 settembre di quest’anno, la World Heart Federation si propone di creare una community globale di Heart Heroes: persone che hanno il coraggio di promettere alla propria famiglia di mangiare meglio, smettere di fumare o ricominciare ad allenarsi, ma anche medici che si impegnano ad accompagnare i malati verso uno stile di vita più sano, o professionisti che rendono più salubre il proprio ambiente di lavoro.

Tutte le evidenze scientifiche, infatti, concordano nel dire che lo stile di vita sia cruciale per mantenere in salute il proprio cuore. E tutto comincia dall’alimentazione. In pratica, ci sono alimenti che attivano geni in grado di produrre molecole favorevoli per la salute, ma anche alimenti che attivano geni sfavorevoli e ci fanno ammalare.

Ma la bella notizia è che queste malattie hanno diversi anni di latenza prima di manifestare i loro sintomi, anni in cui possiamo correggere questo disequilibrio mediante l’alimentazione e lo stile di vita. Il dottor Antonio Maone, ideatore del wellness molecolare, propone 5 consigli pratici per generare molecole positive.

Più colore e meno bianco nel piatto. Per tenere sotto controllo il carico glicemico, una buona strategia è quella di riempire almeno la metà del piatto con verdure colorate di stagione, aggiungendo un piccolo frutto. L’altra metà va divisa in due: un quarto è da riempire di pasta, pane e riso integrali (evitando il più possibile ciò che è bianco) e l’altro con proteine magre come pesce, pollame, uova, legumi.

Preferire i grassi sani. Troppo spesso i grassi sono demonizzati, dimenticando il fatto che non sono tutti uguali. In una sana alimentazione non può mancare una moderata quantità di grassi buoni forniti da olio d’oliva, olio di pesce, noci.

Aumentare la massa muscolare. Nella regolazione del metabolismo basale è più conveniente aumentare la massa muscolare, perché questo aiuta a consumare più energia nell’arco della giornata. Durante l’allenamento è bene prediligere gli esercizi che aumentano la forza e il tono muscolare; nei giorni di riposo è consigliabile mantenere uno stile di vita attivo.

Circonferenza vita ottimale. Più del peso, il migliore indicatore per capire se si è in forma è la circonferenza addominale, da misurare all’altezza dell’ombelico. Per la popolazione europea, una misura superiore ai 94 centimetri nel maschio e agli 80 nella femmina è una zona d’allerta da non sottovalutare, perché corrisponde a una produzione eccessiva di molecole infiammatorie che espongono al rischio di diabete, ipertensione, cardiopatie (fonte: International Diabets Federation).

Ridurre lo stress, aumentare le pause. L’associazione tra stress e cattiva alimentazione può diventare una bomba a orologeria per la salute. Un buon metodo è quello di ritagliarsi dieci minuti durante il giorno per restare da soli con se stessi, concentrandosi sul respiro e ricorrendo a tecniche di meditazione.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Antonio Maone, medico dello sport e ideatore del Wellness Molecolare

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?