Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rimedi alternativi

Fungo Cordyceps: è davvero così miracoloso?

di
Pubblicato il: 03-12-2019

Questo strano fungo potrebbe essere in grado di aiutare in diverse situazioni, anche se non è privo di rischi


Sanihelp.it - Il regno dei funghi è spesso considerato inferiore rispetto a quello dei vegetali, eppure molti funghi vantano proprietà straordinarie.

Questo vale per il Cordyceps sinensis, chiamato anche fungo Cordyceps, una variante di funghi presenti soprattutto in territorio cinese.

La particolarità di questo fungo è la sua crescita: infatti, esso si trova sul corpo dei millepiedi. Ecco perché spesso lo si potrà trovare anche con nomi diversi rispetto a quello latino, come il Fungo cinese dei Millepiedi, ma anche Semitake e dong chong xia cao.

Come accade per molti altri rimedi naturali, anche per questo fungo sono spesso indicate le proprietà particolari.

Si indica come il Cordyceps sia in grado di migliorare notevolmente le performance atletiche, soprattutto a livello di capacità aerobica.

Allo stesso modo, si sono studiate le sue presunte proprietà legate alla prevenzione e alla cura del cancro.

Alcuni risultati, da questo punto di vista, si sono visti, soprattutto nella protezione del corpo dei topi da laboratorio rispetto agli effetti negativi provenienti dalle radiazioni.

Altri effetti riguarderebbero la possibilità di utilizzare questo fungo anche per le persone con diabete, e anche per migliorare l’energia mentale e il vigore dal punto di vista sessuale.

Esistono diversi tipi di forme nelle quali si potrà trovare questo fungo: dalle tinture, agli estratti liquidi, fino alle capsule e alle polveri.

Ovviamente, tutti andranno sempre assunti sotto controllo medico, soprattutto in alcune condizioni.

Ad esempio, il fatto che il fungo consenta di ridurre gli zuccheri nel sangue consentirà ai diabetici magari di ridurre la quantità di insulina assunta, ma sarà necessario chiedere preliminarmente al proprio medico.

Allo stesso modo, questo fungo può provocare problemi a chi abbia già difficoltà nella coagulazione, in quanto rende il sangue più fluido.

Infine, sarebbe da evitare l’assunzione da parte delle donne incinte, durante l’allattamento e anche nei bambini.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Dr Andrew Weil

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?