Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sport e fitness

Core Board per il controllo dell'equilibrio del movimento

di
Pubblicato il: 21-01-2020

Nel 1998 è nato il Core Board, una disciplina per il controllo dell'equilibrio complessivo del movimento


Core Board per il controllo dell'equilibrio del movimento © rete

Sanihelp.it - L’idea è di un fisioterapista canadese, Alex McKechnie, che si occupava della riabilitazione e del recupero atletico di calciatori e giocatori di hockey e che aveva notato la difficoltà degli sportivi a riacquistare il senso dell’equilibrio dopo gli infortuni.

Per mettere in pratica i movimenti occorre una particolare pedana, chiamata anch’essa Core Board, la quale ruota, gira e si inclina in ogni direzione, per poi tornare alla posizione di partenza. A seconda di come ci si muove, la pedana risponde. Se ci si muove, per esempio, da un lato, la pedana risponde con una forza in senso contrario, costringendo la muscolatura ad affrontare l’equilibrio precario che si viene a creare e a sforzarsi per ritrovare un equilibrio più stabile. 

La pedana presenta diversi livelli di mobilità, per poter essere impiegata da chiunque, a partire dai principiantiper i quali viene regolata su livelli di maggiore stabilità, ai professionisti. Il Core Board è adatto anche a chi segue programmi di riabilitazione.

Il luogo ideale per questo tipo di allenamento è la palestra. Come ci si veste non ha particolare importanza, l’importante è essere comodi per poter svolgere tutti i movimenti.

Dopo la classica ginnastica propriocettiva, questa è la disciplina più innovativa che si è imposta nel mondo del fitness. 

I benefici sono diversi, oltre al miglioramento dell’equilibrio e della postura, si potenzia la forza muscolaresi impara ad essere più coordinati nei movimenti e, perché no, si perde anche qualche chilo.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Elisa Brambilla

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?