Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nuovi gesti

Pulizia del viso: è tutta naturale con la spugna konjac

di
Pubblicato il: 31-03-2020

È ricavata da una pianta giapponese: 100% naturale, è efficace nel detergere la pelle ma anche delicata e rispettosa del film idrolipidico. Tutti i motivi per provarla.


Pulizia del viso: è tutta naturale con la spugna konjac © iStock

Sanihelp.it - Le giapponesi tengono moltissimo alla pulizia del viso, tanto che nella loro beauty routine molti degli step iniziali sono dedicati a una profonda e accurata detersione, da ripetere mattina e sera. Secondo la loro teoria, questo gesto deve essere il più possibile naturale e delicato, per questo prevedono anche l'uso di particolari device e accessori sia tecnologici che naturali che, attraverso un'azione meccanica, puliscono la cute riducendo l'utilizzo di sostanze chimiche aggressive. 

La spugna konjac, per esempio: è una spugna naturale ricavata dalla radice del konjac (Glucomannano), una pianta perenne originaria del Giappone appartenente alla famiglia Amorphophallus, che cresce anche in maniera selvatica ad altitudini elevate, dove l’aria è più pura. Grazie alla sua texture porosa, deterge ed esfolia delicatamente la pelle del viso in profondità, rendendola naturalmente luminosa, liscia e morbida, mentre il suo essere naturalmente alcalina bilancia e rispetta in modo naturale il pH della pelle.

I plus? È 100% naturale, perchè realizzata in fibre vegetali, è adatta a ogni tipologia di pelle, anche le più sensibili, assicura una rimozione efficace sia del make up che delle impurità ambientali, sebo, sudore e cellule che si accumulano in superficie, è biodegradabile e quindi ecosostenibile. 

Oggi è un presidio di bellezza molto diffuso anche da noi, sia nei negozi specializzati che nella grande distribuzione e nelle farmacie, sia in versione pura che arricchita di attivi specifici in base alle esigenze della pelle, come argilla per un effetto illuminante, carbone per un'azione purificante, estratti vegetali vari come tè verde o curcuma per un'azione antiossidante e protettiva e così via. 

Sceglila in base al colore: bianca se vuoi un effetto delicato, verde per le pelli grasse e impiure, rossa per un'azione antiaging e illuminante, rosa per pelli sensibili e facili ai rossori, nera per un'azione esfoliante e purificante. 

Si può usare sia da sola che in abbinamento al proprio detergente preferito, per un'azione di pulizia potenziata. Immergere la spugna nell’acqua tiepida, fino ad ammorbidirla. Strizzare per eliminare l’acqua in eccesso. Applicare una piccola quantità di detergente sulla spugna (ne basta pochissimo perché viene assorbito dalla spugna) e massaggiare il viso con movimenti circolari. Risciacquare il viso. 

Dopo l'uso la spugna va pulita, risciacquata e strizzata bene e messa ad asciugare in un luogo fresco e asciutto. Si può usare per circa sei mesi, anche tutti i giorni (ma se la pelle è sensibile meglio non più di due o tre volte a settimana).



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
redazione

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?