Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dalle rughe ai brufoli, il menù anti-imperfezioni

di
Pubblicato il: 14-04-2020


Dalle rughe ai brufoli, il menù anti-imperfezioni © iStock

Sanihelp.it - A risentire di un’alimentazione squilibrata e di stili di vita poco sani è in primis la pelle. «Gli alimenti ricchi di antiossidanti sono un’arma potente per proteggerla dall’assalto dei radicali liberi», spiega la dottoressa Angelapina Di Leo, nutrizionista di MioDottore. La vitamina C, coinvolta nella sintesi del collagene – la cui riduzione comporta la comparsa di rughe e il rilassamento cutaneo – è l’antiossidante presente in maggiori concentrazioni nel corpo e, per quanto riguarda la pelle, svolge un ruolo fondamentale nella crescita e nella riparazione dei tessuti.

I frutti e le verdure su cui fare affidamento per integrare nel proprio menù la vitamina C sono vegetali a foglia verde come asparagi, broccoli, spinaci, basilico, oltre a peperoni gialli e rossi, peperoncino, pomodoro, kiwi, fragole, agrumi, melone. 

Da non sottovalutare la vitamina A, in grado di favorire la sintesi dei componenti della pelle che ne mantengono l’integrità, l’elasticità e l’idratazione. La lista della spesa in questo caso, stilata da Treatwell – portale di prenotazione di trattamenti di bellezza e benessere – comprende uova, fegato, latte e derivati come il Grana Padano DOP, mentre il beta-carotene, che della vitamina A è il precursore, si trova nei vegetali gialli, arancione e a foglia verde come carote, zucca, melone, broccoli, spinaci, peperoni, zucca, arance, albicocche.

Non c’è due senza tre: la vitamina E è capace di contrastare i radicali liberi e di protegge gli acidi grassi essenziali e la vitamina A dall’ossidazione. Condire le verdure usando l’olio extravergine d’oliva a crudo è una buona abitudine per garantire il fabbisogno giornaliero di vitamina E e tenere così a bada screpolature e invecchiamento precoce. 

Bere due litri d’acqua al giorno – anche attraverso tè e tisane non zuccherate – è fondamentale per prevenire stati di secchezza. La desquamazione e i fastidiosi pruriti tipici della pelle secca sono arginabili anche con il consumo di cibi integrali, contenenti vitamina B. Inoltre, la frutta secca, ricca di acidi grassi, con il suo apporto di vitamina E aiuta a rigenerare le cellule della cute e a combatterne l’invecchiamento.

Anche mangiare pesce azzurro – che contiene un alto tasso di Omega 3 – è un’ottima idea per distendere la pelle e renderla meno esposta alla desquamazione, mentre pesci grassi come acciughe, salmone e sgombro contribuiscono a mantenere una corretta idratazione.

E chi ha la pelle grassa? In questo caso si sconsiglia di eccedere con il consumo di fritture, insaccati e formaggi grassi, oltre che di bibite gasate, cibi raffinati e cioccolata al latte. Sì a quella fondente superiore al 70%. Importante anche mantenere in salute l’intestino consumando yogurt, ottimo probiotico.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Treatwell e MioDottore

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?