Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute e animali

Giardia: un protozoo che colpisce animali e persone

di
Pubblicato il: 28-04-2020

Questo parassita non è molto selettivo e in alcuni canili può colpire tutti gli ospiti presenti


Giardia: un protozoo che colpisce animali e persone © iStock

Sanihelp.it - Si tratta di un protozoo flagellato che vive nell’acqua, dotato di una resistenza che gli permette di sopravvivere per parecchio tempo.

Viene espulso nell’ambiente con le feci e infesta molto frequentemente i cuccioli di cane, che tendono a leccare o mangiare qualsiasi cosa trovino in giro, e purtroppo non sempre la regola di asportare immediatamente le feci del proprio cane viene rispettata.

La fonte di contagio può quindi essere la strada, l’area cani, il canile o gattile, perfino la lettiera del gatto, oltre che naturalmente cibi e acqua, soprattutto di pozzanghera, contaminati.

Spesso l’animale presenta la Giardia nel proprio tratto intestinale, senza tuttavia manifestare sintomi, si parla quindi di infezione latente, ma se si verifica un indebolimento del sistema immunitario, come nel caso di animali portatori di patologie, cuccioli o anziani, si manifesta con sintomi gastrointestinali: diarrea, spesso con presenza di sangue, vomito, letargia, inappetenza e dimagramento

Per individuare il parassita è necessario eseguire un esame delle feci, facendo attenzione ai falsi negativi in quanto, nel caso di assenza di emissione del protozoo, l’esame non lo rileverebbe, è quindi è consigliabile ripetere il prelievo, per esempio uno al giorno per tre giorni. Da tener presente, inoltre, che le cisti di Giardia sono sensibili alle basse temperature, quindi la cosa ideale è portare al più presto possibile il campione raccolto al veterinario e non conservarlo in frigorifero.

La giardiasi è una zoonosi, cioè può essere trasmessa dall’animale all’uomo, anche in questo caso facilitata da una situazione di immunodepressione.

Per la terapia vengono somministrati farmaci a base di fenbendazolo o metronidazolo, dietro consiglio del veterinario, indispensabili saranno inoltre la pulizia e l’igienizzazione dell’ambiente frequentato dall’animale.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Istituto Superiore di Sanità - Epicentro

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?