Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le mandorle proteggono il cuore dalle malattie

di
Pubblicato il: 10-06-2020


Le mandorle proteggono il cuore dalle malattie © iStock

Sanihelp.it - Una recente ricerca della Tufts University ha mostrato che consumare 42,5 grammi di mandorle al giorno può aiutare a ridurre i costi sanitari associati alle malattie cardiovascolari nella popolazione statunitense. Lo studio è stato finanziato da Almond Board of California.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte a livello mondiale, inclusi gli Stati Uniti, con circa 18 milioni di morti ogni anno. Queste malattie hanno comportato per il sistema sanitario italiano un costo pari a 21 miliardi di euro nel 2018 tra costi diretti e indiretti. Di questi, 16 miliardi di euro (54%) provenivano dai costi diretti dell'assistenza sanitaria.

Questa nuova ricerca si unisce ad altri studi che hanno dimostrato che il consumo regolare di mandorle può contribuire a ridurre i livelli di colesterolo LDL (lipoproteina a bassa densità), il cosiddetto colesterolo cattivo, un fattore di rischio riconosciuto per le malattie cardiovascolari. 

I ricercatori hanno evidenziato che mangiare 42,5 g di mandorle al giorno comporterebbe un risparmio annuo di 363 dollari rispetto al non consumarle. Nei consumatori è stata osservata una riduzione del fattore di rischio cardiovascolare, tra cui colesterolo LDL, colesterolo totale, peso corporeo e Apolipoproteina B (noto anche come Apo-B, la principale proteina presente nel colesterolo LDL nocivo). Il miglioramento di questi parametri ha determinato una riduzione del costo medio di assistenza sanitaria per il trattamento delle malattie del cuore. Inoltre, ampliando l’orizzonte temporale a  10 anni, i risultati prodotti sono stati simili. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Almond Board of California

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?