Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Riparare i polmoni dopo il Covid

di
Pubblicato il: 19-06-2020


Riparare i polmoni dopo il Covid © iStock

Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto presso l’Università di Pavia e pubblicato sulla rivista Cells, si potrebbe provare a riparare i polmoni gravemente danneggiati dall’infezione da Covid attraverso l’utilizzo di una polvere di staminali, ottenuta dalle mesenchimali grazie a una tecnica ideata e brevettata in Italia.

Tale polvere denominata secretoma, si è mostrata efficace nei test di laboratorio.

Il secretoma risulta composto da un mix  di sostanze prodotto dalle mesenchimali che sembrano in grado di esplicare effetti antinfiammatori, rigenerativi e anti-fibrotici.

«Il secretoma che stiamo studiando è prodotto dalle cellule staminali mesenchimali, che si trovano in vari tessuti, fra cui midollo, grasso, cordone ombelicale e anche placenta – spiega Maria Luisa Torre, ideatrice del progetto e responsabile del Cell Delivery System Lab dell’Università di Pavia -. L’Italia è in prima linea nell’impiego clinico di queste cellule nel Covid-19, perché possono avere un effetto terapeutico e una funzione rigenerativa sull’apparato respiratorio colpito da Covid, proprio attraverso il mix di sostanze che producono».

«Il secretoma può essere prodotto in laboratorio e, anche in assenza delle cellule, potrebbe regolare la risposta immunitaria e infiammatoria, stimolare i tessuti e ridurre la fibrosi polmonare che deriva dall’infezione – afferma Elia Bari, co-autore e dello studio -. Con la tecnologia tutta italiana che abbiamo messo a punto è possibile anche trasformarlo in una polvere liofilizzata e confezionarlo in fiale come un farmaco. I prototipi di soluzioni iniettabili o inalabili esistono già – aggiunge Elia Bari – ma se il secretoma diventasse farmaco potrebbe essere prodotto su larga scala a costi paragonabili a quelli dei tradizionali farmaci biologici e sarebbe più facilmente disponibile per molti pazienti anche nei Paesi in via di sviluppo dove la terapia cellulare non può essere usata per mancanza di risorse e strutture».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Università di Pavia

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?