Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cibo a km zero e poco calorico

di
Pubblicato il: 11-08-2020


Cibo a km zero e poco calorico © iStock

Sanihelp.it - Gli italiani quando scelgono la destinazione delle proprie vacanze lo fanno tenendo conto anche di precise esigenze enogastronomiche.

Il rapporto fra cucina e italiani è molto stretto nella vita di tutti i giorni e in vacanza: a confermarlo un sondaggio statistico svolto dall’istituto di ricerca YouGov e commissionata da Readly, un servizio in abbonamento digitale che consente l’accesso illimitato a circa 5000 riviste italiane e internazionali tramite un’unica app.

Secondo questa ricerca, condotta nel periodo 22-30 giugno 2020 per un totale di 7433 interviste CAWI in Svezia, Regno Unito, Germania, Australia e Italia, dove sono state interpellate 1010 persone,  praticamente la totalità degli italiani pensa che sia fondamentale essere consapevoli di ciò che si mangia.

Si tratta della percentuale più alta rispetto agli altri europei intervistati: il 98%, contro il 63% degli svedesi, il 71% dei tedeschi, l’84% degli inglesi.

Quando è a tavola, il 63% degli italiani interpellati fa attenzione che il cibo sia prodotto localmente e sia sano (55%).

Il 36% fa attenzione alle calorie introdotte.

Gli italiani dichiarano inoltre di essere sensibili alle tematiche ambientali e climatiche anche quando fanno la spesa: per questo, il 70% sceglie frutta e verdura di stagione, il 54% acquista prodotti a KM zero; il 35% cerca di ridurre il consumo di carne.

Sempre secondo questo sondaggio, tenendo conto delle risposte fornite dagli interpellati italiani il 40% è convinto che il cibo sia un aspetto fondamentale da prendere in considerazione anche in ferie, contro il 25% degli svedesi, il 28% degli inglesi, il 29% dei tedeschi.

Quello che mettiamo in tavola nel Bel Paese incontra i palati risultando la cucina preferita degli intervistati in Svezia, Germania, UK, Australia, oltre che dagli italiani (85%).

La cucina italiana si posiziona davanti alla cucina mediterranea, a quella giapponese e a quella Americana.

Se poi in vacanza come durante l’anno, si guarda a quello che si legge sui giornali emerge che gli italiani sono la popolazione che legge maggiormente le riviste di cucina: l’8% le consulta quotidianamente e il 19% almeno una volta a settimana, contro, rispettivamente l’1% e il 4% degli inglesi, il 2% e il 6% dei tedeschi.

Non a caso dell’indagine Readly-YouGov, nella classifica complessiva delle 20 pagine più evidenziate dei lettori italiani di Readly nei primi sei mesi dell’anno ci sono ben 7 »bookmark» all’interno di riviste di cucina: ognuno corrisponde a una ricetta, per lo più semplice e veloce, con ingredienti della nostra tradizione.

Queste nel dettaglio le ricette più amate e »sperimentate» dagli italiani:

L’impasto per la pizza
Il gâteau di patate
Il riso saltato con verdure
L'insalata di farro
La brioche siciliana
I totani ripieni in umido
La torta di carote

Per trovare ispirazione per nuove ricette, il 61% degli italiani si rivolge anche ai siti web, il 40% ama replicare le ricette di famiglia, il 31% cerca spunti sui social media. Il 29% consulta invece il tradizionale libro di cucina.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ricerca YouGov

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?