Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Nuove strategie salva-cibo

Gli italiani dicono no agli sprechi

di
Pubblicato il: 31-08-2020


Gli italiani dicono no agli sprechi © istock

Sanihelp.it - Il 54% degli italiani secondo un’indagine Coldiretti/lxè negli ultimi tempi ha diminuito o addirittura annullato del tutto gli sprechi alimentari adottando tutta una serie di piccole strategie che permettono di non buttare cibo o comunque di riciclarlo. L’accorgimento più diffuso che viene scelto dal 74% degli italiani è quello di fare una spesa oculata acquistando solo quello che serve mentre il 24% decide di tagliare drasticamente sui consumi comprando pochi prodotti, ben selezionati per prezzo.

In ogni caso qui entra in gioco la vecchia e buona abitudine di andare in negozio o al supermercato con la lista della spesa fatta prima a casa riflettendo con attenzione su quello che manca in dispensa. Attenersi strettamente alla lista evita acquisti sconsiderati fatti magari d’istinto oppure solo perché i prodotti sono scontati: se si tratta di cibi non deperibili, ben vengano le offerte ma nel caso del fresco attenzione a non esagerare perché c’è il rischio concreto di buttare quello che rischia di rovinarsi a forza di stare nel frigo.

Nel 38% dei casi gli italiani per evitare sprechi ricorrono all’antica tradizione contadina di usare quello che avanza per il pasto successivo magari combinandolo in soluzioni gustose come avviene per la classica frittata di pasta, il risotto al salto, la ribollita toscana, i canederli trentini o la pinza veneta. Le ricette del recupero e del riciclo del resto sono infinite e basta fare un giro su internet per trovarne di gustosissime.

In 1 caso su 4 gli italiani sempre in un’ottica anti-spreco cercano di fare più attenzione alla scadenza dei prodotti. In questa direzione oltre a controllare le date al momento dell’acquisto è importante conservare con attenzioni i prodotti mettendo nel posto più vicino, sia nel frigorifero che nella dispensa, quelli con una scadenza ravvicinata. Dare poi di tanto in tanto un’occhiaia a quello che si ha è fondamentale per consumare i prodotti con scadenza breve. Esiste infine un 7% di italiani che, pur di non sprecare, sceglie di donare in beneficienza i prodotti alimentari non consumati.

Mentre se si va fuori a mangiare, evidenzia la ricerca, quasi quattro italiani su dieci, il 37%, escono dal ristorante portando a casa, sempre, spesso o almeno qualche volta, gli avanzi con la cosiddetta doggy bag, il contenitore per portare via il cibo non consumato ed evitare così che venga buttato. Ma c’è anche un 21% degli italiani che non lascia alcun avanzo quando va a mangiare fuori, facendo onore alla tavola.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Coldiretti

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?