Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Quali sfide per i papà del 2020?

di
Pubblicato il: 10-09-2020


Quali sfide per i papà del 2020? © iStock

Sanihelp.itQual è il ruolo del papà nel 2020 e come lo vedono i bambini e come è cambiata, se è cambiata, la sua figura negli ultimi 30 anni?

Tenta di rispondere alla spinosa questione il dottor Dario Grigoli di guida psicologi.

«Il padre nel corso degli ultimi 30 ha perso di autorevolezza. Probabilmente sulla scia di movimenti culturali che bandivano l'autorità o che esaltavano il femminile, la figura paterna ha perso di autorevolezza nei confronti dei figli. Quello che sembrava un progresso, rappresenta a mio avviso oggi, un'involuzione a livello relazionale. La figura paterna è indispensabile tanto quanto le altre figure relazionali presenti in un nucleo familiare e sociale, a trasmettere valori come concretezza, senso etico, morale ed altro ancora».

Viene da chiedersi allora cosa salvare dei vecchi papà e cosa di buono hanno quelli moderni.

Risponde ancora l’esperto: «I padri moderni hanno acquisito maggiore capacità di gestire le emozioni, più flessibilità nel ruolo di accudimento nelle fasi precoci dello sviluppo di un bambino, al punto che spesso si sostituiscono alle madri nelle funzioni di accudimento precoce. Tuttavia, credo che sia indispensabile mantenere il ruolo di guida certa e sicura che una bambino ed un adolescente cercano per consolidare un forte senso di sé».

I papà moderni provengono da una generazione in cui l’essere padre aveva un profilo chiaramente marcato, fondato sul lavoro, e autorità e imposizione erano alla base della relazione con i figli.

Non a caso la frase più frequente nelle maggior parte delle case italiane era quello che dice papà, chiedi a papà. Sono dinamiche che al giorno d’oggi hanno perso la loro forza, atteggiamenti che non sono più parte del modo di essere padre, e in senso più ampio della forma di relazionarsi come uomo. Amore e rispetto devono essere la base dell’insegnamento, strumenti chiave per la formazione e lo sviluppo futuro dei figli. Il rispetto tra genitori e verso i figli è fondamentale, se vogliamo che i nostri figli imparino ad averlo verso se stessi, in casa e verso il prossimo.

Lo stesso vale per l’amore.

E se l’amore tra adulti dovesse venire meno, ciò che conta è che al primo posto ci sia sempre l’amore per i propri figli, anche separatamente.

Alla luce di quanto esposto sin’ora ecco i tre consigli di guida psicologici per chi è papà

1) Ascoltare sempre e comunque i propri figli. È importante che un bambino o un adolescente si senta ascoltato, accolto e capito. Solo dopo avere stabilito un buon rapporto un figlio si fiderà di voi e svilupperà fiducia in se stesso.

2) Porre delle regole, flessibili se volete, ma è fondamentale che ci siano. Una regola pone confini e fornisce punti di riferimento per il bambino. Confondere l'indulgenza con la mancanza di regole è un grosso errore. Porre dei confini, sarà molto utile per differenziarsi e strutturare la propria personalità. Una vita senza regole crea bambini deboli e privi di punti di riferimento.

3) Tenere viva la relazione con i propri figli. Giocate, parlate, svolgete attività che interessino entrambi affinché vostro figlio si nutra di buone emozioni ed esperienze indimenticabili.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Guida psicologi

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?