Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori: prevenzione e terapie

Carta dei Diritti dei malati di cancro gastrointestinale

di
Pubblicato il: 29-09-2020

Il documento afferma dei diritti per i malati oncologici


Carta dei Diritti dei malati di cancro gastrointestinale © iStock

Sanihelp.it - Sono neoplasie molto frequenti che colpiscono ogni anno circa 80.000 persone e rientrano tra le prime 5 cause di morte per tumore in Italia.

Sono spesso diagnosticati già in fase avanzata, ciononostante i tumori gastrointestinali (che riguardano stomaco, colon-retto e pancreas) non hanno ancora trovato nel Servizio Sanitario Nazionale «una risposta che possa assicurare ai pazienti una presa in carico e un supporto adeguati e omogenei sul territorio e in tutte le fasi della malattia. Chi convive con queste neoplasie deve spesso fare i conti con ritardi e tempi lunghi dell'iter diagnostico, disomogeneità nella presenza delle strutture di eccellenza, carenza della continuità assistenziale, che penalizza in particolare i pazienti in fase più avanzata» spiega la Favo (Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia), presentando la prima Carta dei diritti dei pazienti con tumori gastrointestinali, #TumoriGIFacciamociSentire.

Il documento afferma diversi diritti: 

il diritto all'assistenza multidisciplinare, con la creazione dei tumor board, team multidisciplinari dedicati; 

la definizione di una rete di centri di eccellenza, che assicuri standard omogenei sul territorio;

il diritto alla migliore terapia in ogni fase della malattia, fino al supporto nutrizionale, psiconcologico e palliativo e alla continuità assistenziale tra l'ospedale e il domicilio del paziente.

«La Carta dei diritti sottolinea l'importanza della diagnosi precoce, della continuità terapeutica e dell'equità di accesso, aspetti questi che ovviamente interessano tutti i malati di cancro, ma che assumono particolare rilevanza per le persone colpite da tumori gastrointestinali - afferma Francesco De Lorenzo, presidente Favo - le associazioni firmatarie denunciano con forza la grande difficoltà o addirittura il mancato accesso ai trattamenti terapeutici nelle fasi più avanzate di malattia, con il grave conseguente impatto negativo sulla qualità di vita dei pazienti, aspetto che interessa tanto quanto l'accesso equo e omogeneo alle terapie disponibili».

La Carta si rivolge alle istituzioni, ai politici, ai responsabili della pianificazione sanitaria delle Regioni, chiamati a garantire i bisogni delle persone colpite dai tumori gastrointestinali, dalle fasi iniziali fino agli stadi più avanzati. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos Salute

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?