Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Chirurgia plastica e minorenni

Maria Monsé e il rinofiller a 14 anni? Non è vietato

di
Pubblicato il: 08-10-2020


Maria Monsé e il rinofiller a 14 anni? Non è vietato © rete

Sanihelp.it - Se ne è scritto sui giornali, parlato in tv e discusso sui social: i ritocchi estetici sui minorenni sono legittimi? E opportuni? Tutto nasce dal caso della showgirl Maria Monsé, la cui figlia quattordicenne è stata sottoposta a un trattamento di rinofiller per rendere meno evidente la gobbetta sul naso. E subito si sono create fazioni opposte: i favorevoli, per la serie che male c'è..., e i contrari, indignati per la giovane età della paziente e la natura esclusivamente estetica della correzione. Sul tema interviene la Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica SICPRE. «Gli interventi di chirurgia estetica e i trattamenti di medicina estetica non sono vietati al di sotto dei 18 anni – dice il presidente, prof. Francesco D'Andrea -. Ma tutto dipende da quali interventi, dalle motivazioni che li dettano e da come vengono eseguiti. Il principio di base è il benessere del paziente, che ovviamente deve essere salvaguardato anche quando questo è minorenne». D'Andrea prosegue delineando il caso di un ragazzo di 13 anni che soffre per le sue orecchie a sventola, a tal punto da non riuscire a vivere normalmente con i coetanei. «Con il consenso dei genitori può sicuramente essere operato. In questo caso, il malessere è evidente, la motivazione è forte e la pratica chirurgica non è particolarmente invasiva».

Che cos'è il rinofiller

Il rinofiller è un trattamento poco invasivo e temporaneo. Consiste in infiltrazioni di acido ialuronico, una sostanza anallergica e riassorbibile, che hanno l'effetto di modificare il naso, ad esempio attenuando uno scalino o una gobba. «Sicuramente con il caso di Perla Maria siamo di fronte a una paziente molto giovane – riprende D'Andrea, alla guida dell'unica società di chirurgia plastica riconosciuta dal Ministero della Salute  - ma solo lei, i genitori e l'operatore che ha eseguito il trattamento conoscono il grado di disagio vissuto e l'intensità della motivazione. In ogni caso, tra pochi mesi non resterà traccia dell'acido ialuronico iniettato e il naso tornerà al suo aspetto naturale. Se ci dovesse essere un ripensamento, tornare indietro sarà quindi molto facile».



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva-rigenerativa ed Estetica SICPRE

© 2020 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?