Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Pratica e vita quotidiana

Il mantra di Ganesh per riportare la mente alla calma

di
Pubblicato il: 24-11-2020

Come utilizzare questa semplice frase per concentrarsi e ridurre lo stato di preoccupazione e di agitazione


Il mantra di Ganesh per riportare la mente alla calma © iStock

Sanihelp.it - I mantra sono spesso visti come qualcosa di inarrivabile o di inutile, anche da praticanti yoga particolarmente costanti.

Eppure, lo yoga ha un’origine spirituale in India e i mantra sono spesso parte integrante della pratica di uno studente e di un insegnante.

Un mantra particolarmente caro agli induisti, ma anche ai praticanti di yoga occidentale è quello di Ganesh.

Il mantra è il seguente:

Om Gam Ganapataye Namahà

Il mantra si pronuncia così com’è scritto e ha un significato particolarmente positivo.

Om è la parola che ha dato origine all’Universo, il primo suono ed è utilizzata come riferimento proprio a ciò che è primordiale.

Gam è il suono tradizionale di Ganesh, così come Ganapataye è uno dei nomi di Ganesh.

Namahà, infine, indica il saluto che si pone a Ganesh con questo tipo di mantra.

Essenzialmente, è una richiesta di aiuto a questa figura che è famosa in India per la sua capacità di rimuovere gli ostacoli.

A questo punto ci si potrebbe chiedere quali siano i benefici legati all’uso e alla ripetizione di questo mantra.

Essenzialmente, l’inserimento di questa pratica può aiutare le persone a ridurre gli stati ansiosi e a portare la mente oltre la materialità e ciò che può preoccupare allo stato attuale.

Infine, Ganesh è il dio che si lega al chakra della radice, quello che più di tutti appartiene alla nostra realtà materiale. Per questo, in un momento di scarse certezze può essere una cosa positiva inserire la ripetizione, magari per un minuto prima della pratica fisica, di questo facile mantra.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Stefania D'Ammicco

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?