Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tumori: prevenzione e terapie

Tumori, sole e vitamina D

di
Pubblicato il: 01-12-2020

Le molteplici funzioni della vitamina D


Tumori, sole e vitamina D © iStock

Sanihelp.it - La funzione della vitamina più conosciuta è quella di fissare il calcio nelle ossa, prevenendo in questo modo il rachitismo nei bambini e l’osteoporosi negli anziani.

Nella sua forma attivata agisce come un ormone con azione di regolazione nei confronti di vari organi e sistemi e un’azione modulante del sistema immunitario e dell’infiammazione.

In vitro, cioè in laboratorio, questa vitamina ha dimostrato di avere anche un’azione antitumorale, dimostrando di essere potenzialmente in grado di prevenire o rallentare lo sviluppo delle cellule tumorali. I ricercatori cercano da tempo di dimostrare un nesso tra la vitamina D e il cancro e hanno scoperto che coloro che vivono vicino all’equatore, dove l’esposizione alla luce permette di produrre più vitamina D, l’incidenza e il tasso di mortalità per certi tipi di tumore risultano più bassi.

Nelle cellule tumorali in laboratorio e nei modelli murini, la vitamina D ha anche rallentato la progressione del cancro.

Non abbiamo però una risposta chiara negli studi sull’uomo.

Gli studi non sono concordi tra loro, lo studio europeo EPIC ha rilevato che i soggetti con i più alti livelli di questa vitamina nel sangue hanno un rischio di cancro al colon inferiore di circa il 40 per cento rispetto a chi invece ne è carente, e così per altri tipi di tumori. 

Secondo altre analisi, come la Women's Health Initiative statunitense, tuttavia, alti livelli di vitamina D non sembrano conferire alcun effetto protettivo. 

Può essere quindi che la vitamina D ad alti livelli non sia direttamente responsabile degli effetti benefici sull’organismo, ma semplicemente faccia parte di uno stile di vita corretto che aiuta a minimizzare il rischio di cancro.

Ovviamente l’argomento è attualmente oggetto di studio.

Circa un terzo della vitamina D dell’organismo proviene dall’alimentazione. Gli alimenti più ricchi di vitamina D sono i pesci come salmone, sardine, sgombri, il tuorlo dell’uovo, il fegato.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?