Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Focus sulle Asana

La Posizione dell'Albero: benefici e segreti per la pratica

di
Pubblicato il: 22-12-2020

Come eseguire correttamente questa postura, quali sono gli effetti positivi della sua realizzazione, e come progredire senza scoraggiarsi


La Posizione dell'Albero: benefici e segreti per la pratica © iStock

Sanihelp.it - Una posizione che, nel tempo, è diventata il simbolo dello yoga.

Si tratta di Vrksasana, posizione dell’Albero, una postura che aiuta il corpo, ma anche la mente, sotto diversi aspetti.

Richiede forza, equilibrio e concentrazione, ed è per questo che viene proposta in tantissime classi di yoga.

Come si esegue Vrksasana

Per eseguire la posizione dell’Albero ci si dovrà portare in appoggio su un piede, sollevando quello opposto, che andrà ad appoggiarsi alla gamba distesa.

L’appoggio potrà avvenire a livello della caviglia, dello stinco o della coscia, a seconda delle possibilità del proprio corpo.

Inspirando, poi, si porteranno le braccia verso l’alto, unendo i palmi delle mani e rilassando le spalle.

Si guarderà un punto fisso, preferibilmente a terra o di fronte, e si rimarrà in posizione per almeno cinque respiri, prima di cambiare lato.

I benefici di Vrksasana

La posizione dell’Albero ha davvero molti benefici, nonostante sia considerata spesso banale.

Innanzitutto, migliora l’equilibrio e la stabilità a livello delle gambe, rinforzando i muscoli senza stressarli.

Va a rinforzare, e anche ad allungare, i legamenti dei piedi e delle caviglie, mentre apre il bacino e riduce le tensioni a livello delle anche.

Aiuta anche a recuperare la stabilità delle pelvi, a rinforzare l’addome e ad allungare la schiena.

A livello mentale ed emotivo, questa posizione consente di acquisire molta sicurezza, e richiedendo una concentrazione continua, aiuta anche a migliorare la propria capacità di focalizzare il pensiero nella vita di tutti i giorni.

Aiuta anche a riequilibrare gli emisferi cerebrali, che lavoreranno meglio.

I segreti per eseguire bene la posizione

Molti si scoraggiano fin dall’inizio praticando Vrksasana, soprattutto per le difficoltà nel mantenere l’equilibrio.

Un segreto fondamentale è quello di tenere il bacino nella giusta posizione: per farlo sarà necessario attivare i glutei e gli addominali, in modo che si arrivi ad una leggera retroversione del bacino (il coccige andrà portato perpendicolare al terreno).

Inoltre, non bisognerà avere fretta di sollevare il piede fino alla coscia: bisognerà rispettare i propri ritmi e le possibilità del bacino.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Stefania D'Ammicco

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?