Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute

La figlia di Gianluca Vacchi è nata con la palatoschisi

di
Pubblicato il: 29-12-2020

A rivelarlo sono stati gli stessi genitori, in occasione della presentazione ufficiale in pubblico, sulla copertina della rivista spagnola Hola, della piccola Blu Jerusalema.


La figlia di Gianluca Vacchi è nata con la palatoschisi © rete

Sanihelp.it - Lo scorso 27 ottobre l’imprenditore Gianluca Vacchi e la fidanzata, la modella Shaon Fonseca, sono diventati genitori per la prima volta di una bimba, Blu Jerusalema. Solo a circa due mesi dalla nascita i due, protagonisti dei social, hanno scelto di presentare ufficialmente la piccola al mondo, con un servizio in esclusiva affidato al magazine spagnolo Hola, che ha dedicato alla famiglia la copertina.

Condividendo la stessa sul proprio profilo Instagram, Vacchi ha così fatto una rivelazione importante: « Con tanto amore vogliamo condividere la storia della nascita della nostra Blu Jerusalema. Siamo molto felici che possiate finalmente conoscerla. Blu è nata con una palatoschisi. Immediatamente la nostra anima e il nostro cuore si sono stretti attorno a nostra figlia, ma allo stesso tempo alle famiglie che hanno vissuto la stessa situazione, poiché questo accade a un bambino su 700».

La palatoschisi è un’anomalia congenita che si manifesta dalla nascita con una fessurazione che interessa, in modo variabile, il palato duro e molle. Interferisce con l’alimentazione e con  lo sviluppo del linguaggio e aumenta il rischio di otiti, per questo va generalmente affrontata precocemente con la chirurgia. Anche la piccola Blu sarà operata, come conferma il papà: «Abbiamo la fortuna di avere una grande squadra medica per la nostra bambina e che a tempo debito potrà procedere con l'intervento chirurgico e aiutarla così a vivere una vita del tutto normale».  

Non tutte le famiglie, però, hanno le stesse possibilità e Vacchi e compagna ne sono consapevoli: «È  per questo motivo che abbiamo deciso di cogliere questa opportunità per diffondere consapevolezza e sostenere fondazioni come Operation Smile che si occupano di aiutare le famiglie in questa situazione». Da anni, infatti, la Onlus si impegna, in Italia e nel mondo, per garantire a ogni bambino che nasce con malformazioni al volto di loro il diritto a cure tempestive e sicure.



VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?