Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Pratica e disturbi

Il Pilates per combattere la sclerosi multipla

di
Pubblicato il: 26-01-2021

Questa ginnastica può essere d'aiuto alle persone che si trovino ad affrontare gli effetti negativi della malattia? Per alcuni studi sembra di sì


Il Pilates per combattere la sclerosi multipla © iStock

Sanihelp.it - Il Pilates può arrivare ad aiutare le persone che abbiano la sclerosi multipla?

Una Meta-analisi pubblicata su PubMed, uno dei punti di riferimento per tutte le ricerche nel campo medico e scientifico, sembra dare una risposta affermativa a questa domanda.

In particolare, sono stati presi in considerazione i risultati di quattordici precedenti studi, e dei relativi database, che hanno coinvolto diversi partecipanti a partire dal 2018.

Dieci, tra questi quattordici studi, sono stati definiti come affidabili e sono stati presi in considerazione per poter individuare una relazione diretta tra la pratica del Pilates e il miglioramento dei sintomi e delle condizioni fisiche di chi sia affetto dalla sclerosi multipla.

Due degli studi presi in considerazione hanno dato risultato positivo, consentendo di individuare come la pratica di questa ginnastica, in chi soffra di questo disturbo per il quale al momento non esiste ancora una cura definitiva, possa portare a molti benefici.

In particolare, gli effetti positivi hanno riguardato l’equilibrio, che è migliorato, e anche le abilità nella camminata.

Allo stesso tempo, le ricerche hanno potuto dimostrare come il Pilates potesse essere paragonato, per i suoi effetti, ad altre forme di terapia che riguardassero la mobilità, il livello di allenamento cardiorespiratorio e anche la tolleranza rispetto alla fatica.

Se, quindi, non ci sono stati risultati eclatanti o sbalorditivi, è da sottolineare come il Pilates, essendo un esercizio che può essere eseguito anche in posizioni distese e sedute, possa essere molto utile a coloro che soffrano di sclerosi multipla, anche ad uno stadio non iniziale.

Questa pratica, spesso più accessibile di altre, potrebbe quindi fare davvero la differenza per le persone che vedano la propria sindrome estendere i suoi effetti sul loro corpo e sulla mente.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
PubMed

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?