Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Come pulire un materasso

di
Pubblicato il: 21-01-2021


Come pulire un materasso © hypnia.it

Sanihelp.it - La pelle del corpo umano è soggetta a un continuo rinnovo: le cellule vecchie muoiono, si staccano e vengono sostituite da cellule nuove. Allo stesso tempo, il corpo regola la sua temperatura corporea tramite il sudore; indovinate durante la notte, mentre dormite sereni sul vostro (apparentemente) pulitissimo materasso, dove vanno a depositarsi pelle morta e sudore… e non solo!

Date aria al letto prima di rifarlo

Il materasso è un luogo perfetto per la proliferazione di batteri e acari, soprattutto se avete l'abitudine di rifare il letto appena svegli; in questo modo finirete solo per intrappolare il calore corporeo rilasciato durante la notte, creando un ambiente favorevole alla sopravvivenza degli acari: meglio lasciare il letto disfatto e aperto per qualche ora, magari con le finestre ben aperte!

Quanto descritto finora sembra tremendamente antigenico, ma raramente le persone si ammalano a causa dei propri materassi, a meno che ovviamente non siate allergici agli acari o alla polvere; in tal caso, forse fareste bene a procurarvi un materasso in lattice anallergico; questo materasso non richiede cure particolari, sarà sufficiente pulirlo periodicamente con un panno umido.

Come igienizzare il materasso

In generale, sarebbe consigliabile igienizzare il materasso almeno una volta all'anno, possibilmente durante la stagione calda, e sfruttare il momento per lavare anche il coprimaterasso. Se non usate un coprimaterasso, cercate di iniziare al più presto; un coprimaterasso protegge il materasso non solo dallo sporco, ma anche dalle macchie di sudore, sangue, urina, altri residui organici o trucco. Qualora le macchie fossero ormai presenti, potete trattarle singolarmente utilizzando un detergente enzimatico.

Per pulire il vostro materasso matrimoniale (o singolo), eliminate tutta la biancheria e portatelo all'esterno, così da esporlo al sole; in questo modo l'eventuale umidità accumulata avrà il tempo di asciugare. Per eliminare peli, capelli e cellule morte, è utile passare l'aspirapolvere da entrambi i lati del materasso, avendo cura di aspirare bene le cuciture. Questa operazione può essere svolta anche più volte nel corso dell'anno, magari con l'aiuto di una spazzola a vapore.

Se volete rendere più profonda la pulizia, provate a utilizzare del bicarbonato: si tratta di un ingrediente utile e naturale in grado di eliminare i cattivi odori e assorbire l'umidità. Spargete del bicarbonato sul materasso, lasciatelo in posa per almeno dieci minuti e infine passate l'aspirapolvere. In alternativa, potete imbibire un panno in microfibra con una soluzione di acqua calda, bicarbonato e tea tree oil da passare su tutta la superficie del materasso. Questa miscela potrebbe esservi d'aiuto anche per rimuovere alcune macchie; l'importante è non bagnare eccessivamente il materasso, perché alcuni tipi di imbottitura potrebbero rovinarsi.

Se l'idea di dividere il letto con gli acari vi disturba, procuratevi un apposito spray antiacaro, meglio se a base di sostanze naturali e non pericolose per l'uomo. L'ideale sarebbe essere in possesso di un materasso sfoderabile: in questo modo sarà possibile lavare bene la fodera e lasciar prendere aria agli strati più interni dell'imbottitura.

Una volta terminate le operazioni di pulizia, assicuratevi che il materasso sia perfettamente asciutto prima di rifare il letto. Mentre il materasso si asciuga, abbiate cura di pulire attentamente anche la rete del letto e le doghe.

Nonostante la corretta manutenzione, ricordatevi che la vita di un materasso varia tra i cinque e i dieci anni, ma difficilmente supera questo periodo; un materasso vecchio non solo può provocare problemi posturali, ma è pure pieno di acari, pelle morta e capelli difficili da eliminare. Fate in modo di scegliere un materasso nuovo che non sia solo compatibile con il vostro peso e la vostra posizione preferita per dormire, ma che sia anche dotato di rivestimento antiacaro rimovibile, così da poterlo pulire più facilmente negli anni a venire.

L'azienda Hypnia offre una vastissima scelta di materassi in memory foam declinati per andare incontro alle esigenze di ogni consumatore, e non solo: per allungare un po' la vita del vostro materasso, Hypnia potrà fornirvi anche vari tipi di proteggi-materasso (ad esempio il modello impermeabile traspirante, perfetto per proteggere il materasso dai fluidi corporei).

Piccoli consigli per tenere il materasso pulito

Cambiate le lenzuola una volta a settimana, e ricordatevi che ogni tanto dovete capovolgere il materasso e invertire la testa coi piedi. Cuscini, trapunte, piumoni e coperte devono essere messi all'aria e possibilmente lavati, in casa o in lavanderia, almeno una volta all'anno.

Ogni giorno, fate prendere aria al letto prima di rifarlo, così da impedire il ristagno di umidità che si viene a creare naturalmente durante la notte.

Se, nonostante tutti questi accorgimenti, al mattino vi svegliate con delle piccole macchie rosse e pruriginose sulla pelle, potrebbe essere in corso un'infestazione di cimici dei letti, dei piccoli insetti che si nutrono di sangue umano. In questo caso, evitate i rimedi fai da te e affidatevi a un professionista della disinfestazione.

Ora che sapete tutto sulla pulizia dei materassi, godetevi un sonno riposante… e perfettamente igienico!



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
hypnia.it

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?