Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute e animali

Un momento emozionante: la nostra cagna aspetta i cuccioli

di
Pubblicato il: 16-02-2021

All'inizio nessun segnale, come se tutto fosse normale. Poi però...


Un momento emozionante: la nostra cagna aspetta i cuccioli © iStock

Sanihelp.it - Ovviamente la gravidanza canina è un momento emozionante se pianificato, altrimenti sorgono dei problemi: troveremo abbastanza famiglie presso le quali collocare i cuccioli che nasceranno?

La cagna non va mai fatta accoppiare prima del secondo calore, anche terzo se si tratta di razze giganti, perché prima di quel periodo l’apparato genitale non è ancora ben sviluppato.

La gravidanza della cagna dura circa 60 giorni, ma durante il primo mese non si hanno certezze, in assenza di sintomi e segnali predittori. Verso la metà della gestazione, invece, le mammelle ingrossano e aumentano le dimensioni dell’addome.

Negli ultimi giorni, dalle mammelle potrebbe uscire del latte, cosa che non deve destare preoccupazione.

Dopo il primo mese, è consigliabile cambiare alimentazione della cagna e proporle cibi digeribili ed energetici. Meglio alimentare la futura mamma più volte al giorno per rendere più facile la digestione, considerando che la presenza dei cuccioli sottrae spazio allo stomaco e all’intestino.

I controlli da fare saranno, in base al consiglio del veterinario, esami del sangue ed ecografie.

Quando si approssima la data del parto, noteremo una certa irrequietezza nella cagna, accompagnata da inappetenza e, nelle ultime ore, da un calo della temperatura corporea, circa un grado in meno nelle 24 ore che precedono il parto.

Se avremo la fortuna di assistere a un parto naturale, vedremo forti contrazioni addominali poco prima dell’espulsione di un cucciolo. Se è previsto un cesareo, sarà invece il veterinario a gestire la situazione, anche se naturalmente il medico potrà aiutare anche durante un parto naturale, soprattutto se i padroni sono inesperti.

Il numero dei cuccioli varia da razza a razza, di solito da uno a una quindicina al massimo.

La cagna taglia il cordone ombelicale con i denti e di solito ingerisce la placenta e quando saranno nati tutti li leccherà e se ne prenderà cura, allattandoli e stimolandoli a fare i loro bisognini.

È molto bello vedere il legame che si crea tra la mamma e i suoi piccoli, e come la nostra cagna, di solito interessata solo al cibo e ai giochi, ora protegga e difenda questi piccoli esserini con gli occhi chiusi e la bocca spalancata.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cvsl.it

© 2021 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?