Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Settimana Mondiale del Cervello

di
Pubblicato il: 19-03-2021

Settimana Mondiale del Cervello © iStock

Sanihelp.it - Quest’anno il tema portante di tutti gli eventi che hanno caratterizzato la settimana del cervello ha riguardato le connessioni fra Covid e cervello.

Anche A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) durante questa settimana di eventi ha confermato il proprio impegno, sottolineando in particolare quanto sia importante, anche in questo periodo, rivolgersi ai servizi di emergenza in presenza di chiari e riconoscibili sintomi di ictus (patologia che ogni anno colpisce, nel nostro Paese, circa 150.000 persone) e quanto sia fondamentale e indispensabile, per tutti, prevenire il contagio e proteggersi con il vaccino.

L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo e le conseguenti problematiche organizzative hanno determinato grandi difficoltà nella cura dei pazienti con ictus acuto, senza considerare che molte persone, spaventate dal possibile rischio di contagio in Pronto Soccorso o nei Reparti, hanno proprio evitato di rivolgersi ai servizi di emergenza: un comportamento che, di fatto, ha causato una minore ospedalizzazione (circa il  40%-50% di accessi in meno al Pronto Soccorso durante la prima »ondata pandemica» rispetto allo stesso periodo dello scorso anno) o comunque un ritardo nella possibilità di intervenire.

Un intervento in ritardo o addirittura un mancato intervento, purtroppo, possono peggiorare una prognosi e causare, quindi, esiti più invalidanti della malattia vascolare cerebrale.

L’infezione da SARS-CoV-2, inoltre, determina un aumento della coagulabilità del sangue, comportando quindi un rischio di ictus ischemico, con una frequenza che raggiunge il numero di 8 pazienti su 100 affetti da Coronavirus.

Gli ictus che avvengono nei soggetti colpiti da questa malattia infettiva sono di maggiore gravità rispetto a quelli dei soggetti non-Covid.

Uno scenario drammatico tale da causare un danno notevole per la salute delle persone colpite da ictus, non solo nel nostro Paese, ma anche in Europa e in molti altri Paesi.

La mancata segnalazione di ictus, il ritardo con cui si chiama il 118 e con cui di conseguenza avviene il trasporto in ospedale, l’aumento della frequenza di ictus direttamente collegata all’infezione da Covid e la gravità degli ictus nelle persone positive a questa malattia virale hanno determinato un risultato decisamente negativo in termini di esiti clinici.

«La pandemia da Covid-19 non deve distogliere l’attenzione dalle malattie cerebrovascolari che continuano ad essere presenti – dichiara Nicoletta Reale, Presidente di A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale). - È necessario che, anche in questo periodo, non si verifichi un ulteriore calo degli accessi al Pronto Soccorso di chi manifesta sintomi che possono essere »campanelli d’allarme» riconducibili a questa patologia: le Unità Neurovascolari o Centri Ictus (Stroke Unit) sono riuscite fin dall’inizio a rispondere al meglio alla situazione di emergenza, garantendo percorsi diagnostici e terapeutici efficienti ed efficaci. I pazienti infatti sono stati gestiti in totale sicurezza, durante tutto il percorso clinico assistenziale grazie alla differenziazione di »corsie» dedicate, con estrema attenzione al distanziamento e all’isolamento tra chi è risultato positivo al Covid e chi ha avuto esito negativo al tampone. Vogliamo ribadirlo: in caso di ictus non si deve rimanere a casa, non solo per usufruire delle terapie disponibili, ma anche per evitare conseguenze molto più gravi, derivate da possibili danni collaterali cui spesso, purtroppo, perdendo tempo prezioso, non si può rimediare. Inoltre, in ospedale adesso i medici sono vaccinati e questo deve aiutare a essere ancora più tranquilli, nonostante il periodo sia ancora difficile».



VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?