Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute e animali

Igiene orale nel cane e nel gatto: la detartrasi

di
Pubblicato il: 20-04-2021

Proprio come gli umani, anche gli animali sono soggetti alla formazione del tartaro


Igiene orale nel cane e nel gatto: la detartrasi © iStock

Sanihelp.it - La teoria vorrebbe che si pulissero regolarmente i denti al cane o al gatto con gli appositi dentifricio e spazzolino. Ma quanti lo fanno? In realtà, se già la vedo dura con il cane, con il gatto appare impossibile mettere in atto quotidianamente questa forma di igiene.

Esistono gli stick per i denti, i giochini da masticare, che possono dare un aiuto. In commercio si trovano anche spray o gel da spalmare sulle gengive anche senza lo spazzolino, o spugnette un po’ abrasive. A un certo punto però l’alito del nostro amico peggiora, sulle prime non ci accorgiamo, o magari ci scherziamo sopra, ma poi la cosa diventa insopportabile: impossibile condividere il divano la sera, oppure fargli posto sul letto.

È il momento di controllare la bocca, e in particolare i denti, del nostro animale. Se notiamo una patina giallastra/marroncina alla base dei denti, è giunta l’ora di parlare con il veterinario per effettuare un intervento di pulizia: la detartrasi. Il tartaro che si è formato è dovuto alla placca batterica, che attacca i residui alimentari nel cavo orale e forma questa patina. 

Se non intervenissimo la situazione peggiorerebbe, dando difficoltà alla masticazione e infiammazione delle gengive e, nei casi estremi, la perdita dei denti.

La detartrasi è un vero e proprio intervento, con tanto di anestesia generale, preceduta da esami del sangue per determinare lo stato di salute generale dell’animale.

Viene impiegato un anestetico gassoso e il paziente viene intubato per evitare che il sangue e la saliva finiscano nella trachea e nei polmoni. Il veterinario rimuove il tartaro, pulisce le sacche gengivali e controlla e lucida i denti con una pasta speciale che ritarda la ricomparsa del tartaro.

Una volta terminato l’intervento l’animale, risvegliatosi dall’anestesia, potrà tornare tranquillamente a casa con il suo nuovo e splendente sorriso.



VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?