Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Esposizione al sole: non deve essere eccessiva

di
Pubblicato il: 21-06-2021

Esposizione al sole: non deve essere eccessiva © iStock

Sanihelp.it - Cosa c’è di più bello in estate della tintarella?

E del rilassarsi sotto al sole?  

I raggi ultravioletti UVA e UVB, hanno molti effetti positivi sull’organismo: un’esposizione eccessiva e senza le dovute e opportune cautele, però, rappresenta il principale fattore di rischio per lo sviluppo del melanoma cutaneo, il più aggressivo tra i tumori della pelle, che in Italia rappresenta il terzo tumore più frequente al di sotto dei 50 anni.

L’incidenza del melanoma è aumentata in modo rilevante negli ultimi 10 anni: si stima che nel 2020 abbia colpito circa 14.800 persone (8.100 uomini e 6.700 donne), con una crescita del 20% rispetto al 2019 e del 15% rispetto al 2011.

L’incremento può essere in parte attribuito alla maggiore attenzione verso questa patologia e alla disponibilità di migliori strumenti diagnostici, ma in larga parte è dovuto all’uso di lampade abbronzanti a raggi UV, particolarmente nei primi anni del millennio.

Se da una parte le diagnosi sono aumentate, dall’altra la sopravvivenza a 5 anni è cresciuta fino all’87%, con un aumento di circa il 15% negli ultimi decenni, grazie a diagnosi più precoci e ai progressi della ricerca, che hanno migliorato notevolmente il trattamento di questa patologia, ad esempio l’immunoterapia.

Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro sta dando un importante contributo a questi progressi: nel solo 2020 ha destinato circa 7,5 milioni di euro a 32 progetti, 2 programmi speciali e 16 borse di studio in questo ambito.

L’opera di ricerca è fondamentale ma deve necessariamente andare di pari passo con la sensibilizzazione, poiché come ricorda l’adagio Prevenire è meglio che curare.

Ecco perché Giulia Arena attrice, conduttrice televisiva e volto noto del Paradiso delle Signore, regala una Pillole di Salute dove ricorda alcune semplici regole per esporsi al sole senza danneggiare la pelle, specialmente in estate, quando il rischio aumenta per l'estensione della superficie esposta, per i tempi di esposizione prolungati e per l’irradiazione solare più intensa. (https://youtu.be/TDIRfqjxCU0)

L’impegno di AIRC non si ferma qui: per tutti quelli che ne volessero sapere di più  sui canali Instagram, Facebook e YouTube di AIRC sono tanti gli spunti per approfondire i progressi di ricerca, gli studi per lo sviluppo di nuovi farmaci e ottenere utili indicazioni per una corretta esposizione al sole. 



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?