Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rimedi alternativi

Monacolina K, la sostanza che riduce il colesterolo

di
Pubblicato il: 31-08-2021

Come riportare i valori di LDL alla normalità aiutando il corpo con un componente naturale e senza controindicazioni


Monacolina K, la sostanza che riduce il colesterolo © iStock

Sanihelp.it - Una sostanza che può aiutare le persone che soffrano di colesterolo alto a tenerne sotto controllo i valori.

Si tratta della Monacolina K, un componente che si trova all’interno di alcuni preparati, tra i quali il più famoso è il riso rosso fermentato.

La Monacolina K viene prodotta grazie all’azione realizzata da diversi ceppi del lievito Monascus purpureus, e viene utilizzata da secoli all’interno della medicina tradizionale cinese.

Per controllare la produzione del così detto colesterolo cattivo LDL sarà necessario assumere un livello sufficiente di Monacolina K.

Come si è già detto, un primo preparato che contiene questa sostanza è il riso rosso fermentato. Si potrà trovare sotto forma di integratori in polvere o in pastiglie, così da essere sicuri di assumerne la quantità richiesta.

Oltre al riso rosso fermentato ci sono altri tipi di componenti che contengono la Monacolina K.

I primi sono i semi di Baobab, che si potranno trovare in erboristeria, sempre sotto forma di polvere oppure di estratto.

Inoltre, tutti gli integratori che contengano una miscela di Vitamina B6 e acido folico porteranno anche nel corpo la quantità giusta di Monacolina K.

Per quanto riguarda le quantità di Monacolina che dovranno essere assunte, si raccomanda un’assunzione che può andare dai 2 ai 48 milligrammi al giorno.

Tuttavia, il Ministero della Salute raccomanda un dosaggio medio di 10 milligrammi al giorno.

Non si dovranno assumere i preparati che contengono la Monacolina K in caso di gravidanza, allattamento e nel caso in cui si assumano già dei farmaci che abbiano come effetto quello di abbassare il colesterolo.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?