Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > News

Nostalgia in cucina

Anni 90, è revival anche a tavola

di
Pubblicato il: 18-08-2021

Anni 90, è revival anche a tavola © istock

Sanihelp.it -Sarà colpa della pandemia ma sta di fatto che tutti, alla ricerca di un conforto negli anni passati, siamo pervasi di nostalgia. Vale soprattutto per i Millennials, la generazione nata negli anni 80, che ha negli occhi i ricordi di bambino di quei rampanti anni 80, seguiti dal relativo benessere dei 90, decennio misterioso, luminoso e controverso.ù

Corrono gli anni 90. In radio arrivano le boy band, in televisione è l’avvento dei teen drama, è tempo di karaoke con Fiorello, di Non è la Rai e di Festivalbar. Internet è agli esordi, i social e gli smartphone non esistevano neanche. Per ordinare una pizza a domicilio non esistevano app di food delivery ma ci si appellava ad una telefonata.

Inizia la globalizzazione del mercato, le famiglie diventano meno numerose, ci sono sempre più single e nascono le prime confezioni monoporzione, il fast food, i discount. Al contempo si parla di Dieta Mediterranea e di cibi light, inizia a prendere piede una nuova filosofia di cibo e di vita »slow food» con la riscoperta delle tradizioni e dei territori locali, delle Dop e delle Igp, oggi ancora attualissima. In cucina, si assiste ad una fuga dagli eccessi. 

La forma fisica diventa fondamentale: al bando i cibi pesanti come la panna, che aveva dominato anni 70 e 80, assolutamente sì ad alimenti dietetici. La parola d’ordine è light, che da qui fino ai giorni nostri diventerà una tendenza.

Quali sono dunque i cibi che si affacciano in tavola negli anni 90? La bresaola della Valtellina, innanzitutto, salume tipico diventato IGP nel 1996 che ha iniziato la sua popolarità proprio a partire dagli anni 90, arrivando ad essere amato e consumato oggi da 38 milioni di italiani.

Negli anni dell’attenzione per la forma, la Bresaola della Valtellina IGP è un vero e proprio integratore sotto forma di cibo: è il più slim tra i salumi con un apporto calorico di 150 kcal/100 grammi, pochissimi grassi (2,6%) e un’alta percentuale di proteine (32%).

Non a caso ancora oggi è molto utilizzata nella dieta degli sportivi, a livello agonistico e non. Negli anni 90 si era soliti consumarla da sola, magari irrorata con un filo d'olio e qualche goccia di limone, o su un letto di rucola e ricoperta di scaglie di grana.

Negli anni però anche la bresaola ha fatto la sua scalata sociale e culinaria e oggi sono tantissimi i modi di portarla a tavola, alcuni insospettabili. Da provare con le verdure, finocchio, peperoni e melanzane sul podio, con la frutta di stagione, il melone, il mango, l’avocado, l’arancia, il caco, l’albicocca e la melagrana, con la frutta secca, mandorle, noci e pistacchi, con lo zenzero o il rosso d’uovo..

ll formaggio spalmabile prende il posto della panna, ormai in declino. Non fa parte della tradizione casearia di casa nostra, ma negli anni ’90 si afferma come un alimento che si presta a molteplici usi e piatti, donando un tocco di morbida dolcezza, dal crostino all’insalata.

La paella è forse una delle prime incursioni di cucina etnica nei gusti a volte un po’ conservatori degli italiani. Simbolo di europeismo, di scambio, di apertura e di fratellanza tra popoli, la paella è un piatto tradizionale della cucina spagnola a base di riso, zafferano carne o frutti di mare.

Non poteva che nascere in Spagna, dove furono i Romani a portare l'olio ed i Mori il riso e lo zafferano. È originaria della Comunità Valenzana e successivamente si è diffusa in tutta la Spagna, acquisendo popolarità all'estero, in particolare nel bacino del Mar Mediterraneo e nell'America Latina. Nella sua versione a base di pesce, evoca serate al mare sulla riviera romagnola ma anche cene da Interrail ed Erasmus.

Il plumcake, dolce soffice e profumato, preparato con pochi ingredienti e con la sua inconfondibile forma, è amatissimo da tutti per la sua semplicità. Dolce tipico della prima colazione, compagno ideale di una tazza di tè o di una merenda a scuola. Oggi si possono gustare innumerevoli tipi di plumcake, da quello allo yogurt, al variegato al cioccolato, al caffè, farcito con varie creme, fino ad arrivare alla variante salata.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?