Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Si torna a fare attività

Ripartire con sprint al rientro

di
Pubblicato il: 30-08-2021

Ripartire con sprint al rientro © istock

Sanihelp.it - Si dice che per molti l’anno cominci a settembre. Perché succede spesso che dopo le vacanze che si facciano progetti futuri e tra i buoni propositi del rientro c’è in genere anche quello di intraprendere uno stile di vita più attivo e salutare.

Ecco allora in proposito i consigli della personal trainer ed esperta di nutrizione sportiva Maria Luisa Valente, aka @Allyoucanfit che vogliono essere un aiuto per superare in serenità la fase del rientro e riprendere con sprint la vita consueta.

«Settembre è sempre un mese complicato e le persone lo vivono spesso con troppe aspettative, caricandolo di obiettivi fitness importanti che poi purtroppo vengono presto accantonati» spiega l’esperta.

«E’ importante quindi porsi obiettivi realizzabili e verosimili, senza strafare o farsi prendere dall’entusiasmo del momento senza avventurarsi in sessioni di allenamento sfinenti o sottoporsi a regimi alimentari eccessivamente restrittivi o ancor peggio totalmente sbilanciati» continua l’esperta. «Basta osservare poche semplici regole e affidarsi alla stagionalità e alla freschezza dei prodotti contenuti nelle Babaco box che arrivano direttamente a domicilio senza lo stress della spesa». 

«Consiglio di iniziare a muoversi sempre in maniera soft, senza carichi o programmi eccessi, ma con un risveglio muscolare da 15 minuti totali» suggerisce Valente. Ecco un mini circuitino che puoi replicare senza problemi anche a casa: dedica i primi 3 minuti alla respirazione con le gambe incrociate e la colonna in allungamento.

Dopodiché fai due torsioni, a destra e sinistra, per poi posizionarti in quadrupedia per allungare la colonna con l’esercizio del catstretch. Sdraiati, posiziona le mani sotto la fronte e, stringendo i glutei, solleva il dorso verso il soffitto. Afferra le caviglie e porta i talloni ai glutei per allungare i quadricipiti e la catena cinetica anteriore.

Nella posizione da seduto con le gambe divaricate allungati dalle anche verso il centro dei piedi e poi distenditi per allungare il piriforme. Con le gambe a tavolino porta il mento verso le ginocchia per attivare i muscoli dell’addome che ti sorreggeranno durante tutta la giornata e poi rilassati dondolando a destra e sinistra con le ginocchia raccolte al petto. Riportati nella posizione seduta, fai due torsioni a destra e sinistra e concludi con un minuto di respirazione e presta ascolto al tuo corpo ora attivo.

«Per evitare di gettare la spugna al secondo allenamento, è bene partire sempre dagli esercizi fondamentali, acquisire prima la tecnica e la padronanza di questi e poi costruire sessioni di training più avanzate e complesse» suggerisce l’esperta.

I re del fitness, i fantastici quattro da imparare e consolidare sono squat, affondi, plank e push-up. Gli squat sono indispensabili per attivare i muscoli delle gambe e mantenere una buona forma fisica. Ne facciamo più di quanti possiamo immaginare, se pensiamo a quante volte durante la giornata facciamo su e giù dalla sedia della scrivania, senza realizzare che sono tutti squat.

Gli affondi sono l’esercizio migliore per costruire un corretto equilibrio. Attivano i muscoli stabilizzatori di tutto il corpo e permettono ai grandi muscoli delle gambe di consumare tanta energia.

Il plank è la base di tutti gli esercizi. È in grado di rinforzare tutti i muscoli del corpo contemporaneamente e di regalare una postura allineata.

I push-up sono forse l’esercizio più temuto, almeno dalle donne, ma è possibile eseguirlo in due varianti: con le ginocchia sollevate o appoggiate per terra. Sembra un esercizio impossibile ma in realtà sono solo il punto d’arrivo di un percorso importantissimo di rinforzo della parte alta del corpo, specialmente per chi trascorre tante ore davanti al pc o in piedi con la colonna incurvata in avanti. Sono perfetti per raggiungere una postura aperta ed allungata.

«Non abbandonarti alla solita routine» continua Valente. «Anche nel fitness è importante lasciar spazio alla varietà per stimolare al meglio il metabolismo e tutti i muscoli del corpo». Sperimenta metodi nuovi di allenamento mai provati prima tipo matwork pilates, vinyasa yoga, circuiti ad alta intensità con esercizi eseguiti in poco tempo ma velocemente oppure pesi.

In questa prima fase combina tra di loro queste discipline per evitare la noia e sfruttare tutti i benefici della sinergia dei vari metodi: allenati con i pesi due volte a settimana, concediti una sessione di cardio e una di yoga o pilates per mantenere tutti muscoli allungati e in perfetto equilibrio fra loro.

«Programma i pasti della settimana» prosegue la trainer. Non lasciare nulla al caso ma prevedi in anticipo cosa vorresti mangiare durante la settimana così da fare una spesa intelligente che possa prevenire attacchi di fame incontrollati. «Consiglio di mettere giù una sorta di menù dal lunedì al venerdì così da non dover scegliere all'ultimo cosa preparare facendo ricadere poi la decisione su piatti veloci e iper calorici» conclude Valente.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?