Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Musica in streaming per l'endometriosi

di
Pubblicato il: 13-09-2021

Musica in streaming per l'endometriosi © @Aendoassociazione

Sanihelp.it - Collegandosi in diretta Facebook sulle pagine social degli organizzatori (@ospedaleSanRaffaele, @Aendoassociazione) il 16 settembre alle ore 17:00 si potrà godere del concerto di Flavio Bordin, in arte Flavio Sax, musicista sassofonista professionista, che si esibirà sul tetto dell’Ospedale San Raffaele con la sua orchestra composta da tre giovani musiciste, due violiniste e una percussionista, con una scaletta di successi, tra cui alcuni brani di Ennio Morricone, Viva la Vida dei ColdPlay e il suo inedito Wind Roof and Love.

L’iniziativa appartiene a Musica sui tetti, che mira a raccogliere fondi per la ricerca sull’endometriosi, una malattia cronica e complessa, causata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero in altri organi.

Può essere motivo di dolore cronico e infertilità; questa condizione è ancora poco nota e spesso la diagnosi è tardiva con conseguenze importanti e invalidanti.

In Italia le donne con diagnosi conclamata sono almeno 3 milioni.

La raccolta fondi collegata all’evento musicale andrà a sostenere Genome-Wide il progetto di ricerca nazionale coordinato dall’IRCCS Ospedale San Raffaele dedicato nello specifico allo studio della componente genetica nell’endometriosi.

«Con questo studio intendiamo ricercare e identificare le varianti genetiche che predispongono alla malattia. L’endometriosi è caratterizzata da una forte interazione tra genetica e ambiente.- Racconta  Massimo Candiani direttore dell’Unità di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale San Raffaele. che aggiunge- La quota di ereditabilità, vale a dire la quota di variabilità che è dovuta ad effetti genetici, risulta essere pari al 51%. Utilizzando le attuali tecniche che valutano le varianti dell’intero genoma, sono già state identificate alcune regioni del DNA potenzialmente coinvolte nello sviluppo della malattia ma ancora la strada da fare è lunga e per questo è di fondamentale importanza contribuire alla ricerca scientifica» 



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?