Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cure alternative

Candidosi nell'uomo, come trattarla naturalmente

di
Pubblicato il: 28-09-2021

Come affrontare questa infezione anche utilizzando dei rimedi dolci, in aggiunta alle indicazioni del medico


Candidosi nell'uomo, come trattarla naturalmente © iStock

Sanihelp.it - La candida viene spesso associata solo alle donne, ma è un disturbo che può colpire anche gli uomini.

Infatti, la Candida Albicans è un fungo che può causare micosi all’essere umano indipendentemente dal sesso.

Se la presenza di candida nel corpo è naturale, in quanto questo lievito fa parte dei tanti ospiti presenti sempre nel nostro organismo, la sua eccessiva proliferazione può portare a disturbi.

 Disturbi che, nel caso dell’uomo, si possono manifestare a livello dei genitali e possono determinare la comparsa di lesioni ulcerative, di rossore e di ingrossamento della parte. Inoltre, una caratteristica tipica della candida è costituita dalle secrezioni biancastre.

Tuttavia, in alcuni casi la candidosi dell’uomo può essere asintomatica, e l’uomo potrà rendersene conto perché i disturbi potranno estendersi alla partner donna a seguito dei rapporti sessuali.

Se esistono rimedi medici, che dovranno sempre essere seguiti in modo preciso, si potrà aiutare il corpo a guarire più velocemente dalla candidosi maschile con alcuni rimedi dolci.  

 Come prima cosa, trattandosi di un’infezione da lieviti, l’uomo dovrà evitare per un periodo più o meno esteso tutti i cibi zuccherati, che potranno andare ad alimentare l’infezione.

Invece, saranno consigliati i probiotici, che aiuteranno a ripristinare l’equilibrio della flora batterica, riportando anche il sistema immunitario alla capacità di combattere l’infezione.

 Tra i rimedi naturali che si potranno utilizzare si deve considerare, per prima, l’aloe vera. Questa aiuterà, se applicata come gel ad uso topico, ad arginare la proliferazione dei funghi e a far regredire più velocemente l’infezione.

Per trattare i sintomi, come prurito e bruciore, si potranno usare erbe come calendula e camomilla, sia per fare impacchi locali, sia assunte per bocca sotto forma di decotto o di estratto.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?