Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sport e fitness

Yoga? La mattina presto va benissimo

di
Pubblicato il: 28-09-2021

Prima di iniziare la giornata qualche esercizio migliora la routine mattutina


Yoga? La mattina presto va benissimo © iStock

Sanihelp.it - Lo yoga non solo può migliorare la flessibilità e aumentare la forza, ma può anche migliorare i livelli di energia, ridurre lo stress e l'ansia e aiutare nella gestione del peso.
Non importa se si è un principiante della pratica o uno yogi avanzato, nello yoga i vantaggi si riscontrano a tutti i livelli.
Iniziamo con esercizi per principianti, per aiutare a iniziare la giornata.
Posa del bambino
Al mattino presto, questa posa consente di riconnettersi con il respiro e di rilasciare la parte bassa della schiena e i fianchi.
Mettersi a quattro zampe su un tappetino, con le ginocchia allargate e gli alluci posizionati in modo che si tocchino. Con lo stomaco andiamo a toccare le cosce e facciamo scendere la fronte verso il pavimento. Allungare le braccia davanti al corpo con i palmi delle mani sul pavimento.
Respirare profondamente e ripetere per circa un minuto.
In questo modo abbiamo fatto lavorare i muscoli dorsali, del fondoschiena e dei fianchi.
Bimbo felice
Sempre sdraiati sul tappetino, questa volta supini. Piegare le ginocchia e portarle allo stomaco, afferrando l'esterno dei piedi. Flettere i talloni e le caviglie.
Respirare profondamente, concentrandosi sul mantenere le caviglie direttamente sopra le ginocchia mentre si spinge contro le mani con i piedi. Anche in questo caso, ripetere per circa un minuto. Questa volta abbiamo fatto lavorare i muscoli dei fianchi, dell’interno cosce e della schiena bassa.
Un pochino più impegnativa è la posizione del cobra, che consente di far lavorare spalle, petto e addominali, rafforzando nello stesso tempo le braccia e i glutei.
Sdraiarsi sul tappetino a pancia in giù con le gambe divaricate alla larghezza delle spalle, con le mani sotto le spalle; raddrizzare le braccia, spingendo anche con le punte dei piedi.
Sollevare il petto da terra e spingere indietro le spalle.
Smettere di raddrizzare le braccia non appena il bacino perde il contatto con il suolo: inspirare ed espirare per un massimo di 30 secondi.
E ora? Siamo pronti e scattanti per iniziare una nuova giornata.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?