Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

The SMeakers le scarpe di chi non si ferma

di
Pubblicato il: 27-09-2021

The SMeakers le scarpe di chi non si ferma © AISM

Sanihelp.itThe SMeakers – le scarpe di chi non si ferma è la campagna di sensibilizzazione promossa da Sanofi in collaborazione con AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla

La campagna si propone di raccontare attraverso le storie di Cristina, Federico e Rachele, persone con sclerosi multipla dalla ferma volontà di non farsi fermare dalla malattia.

La loro testimonianza sarà il mezzo per migliorare la conoscenza e la consapevolezza della patologia e del vissuto delle circa 130.000 persone che ne sono colpite in Italia.

Il senso della campagna viene reso anche dalle  SMeakers lanciate in occasione della Milan Fashion Week, queste speciali scarpe da ginnastica, emblema dell’attività sportiva, sono prodotte artigianalmente in Italia e completamente calligrafate a mano con le storie di chi ogni giorno convive con la sclerosi multipla.

Storie positive, che esprimono una vita in movimento oltre la malattia e che incoraggiano tutti a non fermarsi e a cercare di superare i propri limiti trasformandoli in opportunità di crescita e cambiamento.

Tre le storie raccolte da The SMeakers, esemplificative di cosa significa per una persona che convive con la sclerosi multipla andare avanti, darsi degli obiettivi – piccoli o grandi che siano – e superarli.

Come Rachele, vicepresidente nazionale AISM, che grazie alla sclerosi multipla ha imparato a tollerare l’imprevedibilità della vita e a porsi traguardi ambiziosi, come un viaggio in Francia sola con 2 stampelle e tanti sogni.

Oppure Federico, medico e ricercatore FISM, che ha trovato nelle relazioni positive con gli altri la forza di reagire anche ai momenti più duri della vita con la patologia.

Infine Cristina, volontaria AISM, che dopo un primo periodo buio di solitudine e depressione ha deciso di affrontare la malattia con il piede giusto in cerca di un nuovo equilibrio: ha attraversato a nuoto lo stretto di Messina e ha superato la paura più grande, quella di diventare mamma. 

Il fil rouge che lega le tre storie è il movimento, reale e simbolico, che la sclerosi multipla, malattia neurovegetativa del sistema nervoso centrale che in Italia riguarda circa 130.000 persone, in prevalenza donne, può compromettere progressivamente, non solo dal punto di vista fisico – con limitazioni della mobilità, dell’equilibrio e della coordinazione – ma anche dal punto di vista cognitivo con problemi di concentrazione, memoria e affaticamento.

Il progetto The SMeakers, che ha come testimonial Giorgia Surina e Ilaria Vita (@pepitepertutti), vivrà sui social grazie all’hashtag  #PortamiInGiro, ha invitato i followers a recarsi sabato 25 settembre dalle 10 alle 18 presso il Tenoha Pop Up Space in via Vigevano 18, fotografare le scarpe e condividerle sui propri profili.

Anche chi non è stato a Milano potrà comunque contribuire alla campagna: è sufficiente fotografare le proprie scarpe, applicarvi sopra gli sticker »smeakers» che si trovano nella gallery di Instagram e condividere la foto – attraverso post o stories – sui propri profili, invitando i propri follower al fare altrettanto, in una vera e propria catena di solidarietà e sensibilizzazione sulla Sclerosi Multipla. Inoltre, dal 25 settembre sarà possibile visualizzare e condividere il video del progetto e le storie dei protagonisti sul sito www.thesmeakers.it e sui canali social di Sanofi Italia.

Il Progetto The SMeakers ha preso forma grazie al coinvolgimento del marchigiano Alberto Monti, artigiano da più di 30 anni nel settore, che realizza scarpe su misura con lavorazioni interamente fatte a mano, e dalla calligrafa e artista Chiara Riva, che ha ottenuto diversi riconoscimenti professionali nel suo campo e collaborato con professionisti italiani e internazionali.

Al termine del progetto le tre scarpe saranno a disposizione di AISM per le proprie attività istituzionali.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?