Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Pratica e infortuni

Pilates per le operazioni alla schiena

di
Pubblicato il: 12-10-2021

Come aiutare il corpo nel recupero dopo un intervento importante con la pratica di questa ginnastica


Pilates per le operazioni alla schiena © istock

Sanihelp.it - Le operazioni alla schiena fanno sempre molta paura, e si vorrebbe poterle evitare fino a quando siano strettamente necessarie.

Questo è anche l’approccio che viene utilizzato dalla maggior parte dei medici italiani, che sono orientati sicuramente verso la conservazione dello stato della spina dorsale.

Tuttavia, nel momento in cui sia necessario intervenire chirurgicamente, sarà possibile aiutarsi con una pratica di Pilates, sia prima sia dopo l’operazione.

Sì, perché nonostante molti pensino al Pilates come ad un semplice esercizio per tonificare il corpo, questa ginnastica può aiutare moltissimo anche chi debba sottoporsi a questo tipo di operazioni.

Prima dell’intervento sarà possibile, sempre facendosi seguire da un istruttore, fare esercizi per rinforzare la parte centrale del corpo, i muscoli addominali e dorsali, e anche per aumentare la flessibilità.

Tutto questo se, ovviamente, il problema alla schiena non vi abbia immobilizzati. In questo caso sarà necessario prima cercare di ridurre l’infiammazione con l’aiuto del medico, e poi approcciare le pratiche del Pilates.

Il fatto di aver fatto movimento prima dell’operazione vi aiuterà anche nel recupero post operatorio, perché il corpo sarà più forte, più flessibile e avrà una capacità di adattamento migliore.

Gli esercizi di respirazione saranno utili anche nel momento in cui dovrete avere a che fare con i dolori post operatori, perché vi aiuteranno a rilassare e a scaricare anche la tensione mentale che può derivare dal fatto di aver subito un intervento così importante.

Dopo l’operazione, sempre con l’ok del medico, sarà possibile ricominciare la vostra attività a partire da 10-12 settimane dalla conclusione dell’intervento.

Molto dipenderà sia dal recupero, sia da quello che il medico e i terapisti vi indicheranno. In ogni caso, nelle prime sedute molti movimenti dovranno essere eseguiti con alcune modifiche in modo da adattarsi alle vostre necessità.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?