Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute e animali

Gli endoparassiti del cavallo

di
Pubblicato il: 30-11-2021

Un problema da tenere sempre sott'occhio da parte di allevatori e veterinari


Gli endoparassiti del cavallo © istock

Sanihelp.it - Normalmente nell’intestino del cavallo vivono diverse specie di vermi senza causare alcun disturbo. Se però la loro quantità aumenta, possono insorgere problemi quali malessere, diarrea, coliche. La gravità dei sintomi dipende dal grado di infestazione. Fortunatamente esistono farmaci che permettono di tenere sotto controllo le verminosi, ma poiché non esistono vaccini, è necessario un continuo monitoraggio da parte del proprietario e del veterinario. 
piccoli strongili sono i vermi più importanti nel cavallo adulto, poiché sono molto diffusi, ma anche gli ascaridi possono rappresentare un pericolo per la salute dei cavalli, in particolare dei puledri, in quanto le difese immunitarie si sviluppano con l’età. 
I piccoli strongili si possono trasmettere al pascolo oppure in scuderia. Il cavallo infestato presenta sintomi come perdita di peso, diarrea, debolezza, pelo ruvido.
Anche gli ascaridi possono essere contratti sia al pascolo che in scuderia e i sintomi sono più gravi nei puledri sotto i sei mesi di età. A volte invece l’infestazione non dà sintomi evidenti.
Altri tipi di vermi che possono colpire gli equini sono i grandi strongili, le tenie, gli ossiuri.
È possibile prevenire queste infestazioni? Poiché l’ambiente in cui vive il cavallo è la principale fonte delle verminosi, mantenere un’igiene costante è fondamentale per evitarle.
principi attivi utili per debellare queste infestazioni sono essenzialemente:
ivermectina, usata per il trattamento delle infestazioni da strongili di grandi e piccole dimensioni, ascaridi, ossiuri, oncocerche, gasterofili;
fenbendazolo, usato per il trattamento degli stadi immaturi e maturi dei nematodi gastrointestinali degli equini, come grandi strongili, ascaridi, ossiuridi, strongiloidi;
moxidectina può essere utilizzata per cavalli e ponies, nel trattamento delle infezioni parassitarie degli equini causate da parassiti ad essa sensibili: grandi strongili, piccoli strongili, ascaridi e altre specie.
Le cavalle possono essere trattate in ogni fase della gravidanza e dell'allattamento.
pirantel è indicato nel trattamento delle parassitosi intestinali dei cavalli non destinati alla produzione di alimenti per il consumo umano, sostenute da grandi e piccoli strongili, ascaridi, ossiuri e cestodi;
praziquantel, si trova di solito in associazione con una delle molecole suddette per il controllo di diverse verminosi.
Sarà il veterinario a consigliare il prodotto più adatto per il singolo animale.



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?