Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Dammi il 5 – Uniti si vince

di
Pubblicato il: 21-12-2021

Genitori e figli a lezione insieme per imparare a mangiare sano: Dammi il 5 uniti si vince interessa 1000 scuole italiane prenderà il via a gennaio 2022


Dammi il 5 – Uniti si vince © istock

Sanihelp.it - Da un’idea dell’associazione Pancrazio nasce il Progetto Dammi il 5 – Uniti si vince: alcune attività sono partite con da ottobre 2021 in Campania e Calabria, ma l’intero progetto è stato di recente presentato durante una conferenza stampa al Ministero della Salute.

Tutto il progetto è stato realizzato in collaborazione con SID – Società Italiana di Diabetologia, SIC – Società Italiana di Cardiologia, SIP – Società Italiana di Pediatria e con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, ma fanno parte dell’iniziativa l’Università della Calabria e Sipsia – Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Infanzia.

Il progetto, che ruota intorno al numero 5, come i colori dell’alimentazione e i supereroi ideati appositamente – prevede un percorso che si svolgerà nelle primarie, con incontri con i nutrizionisti, laboratori e giochi.

I docenti si occuperanno anche della promozione di stili di vita sani, contro la sedentarietà, il fumo e il consumo di alcool.

Ai bambini verrà consegnato un kit composto da una guida su frutta e verdura e una sulla dieta mediterranea, con esercizi e spiegazioni.

Saranno poi distribuiti un libro di avventure (Giunti Editore) con protagonisti i supereroi della nutrizione.

Sia agli alunni che agli insegnanti verrà somministrato un questionario ogni 6 mesi per verificare il cambiamento della dieta.

I docenti saranno formati grazie a meeting virtuali con il professor Giuseppe Morino, pediatra e dietologo dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Ai genitori verrà distribuito un manuale che terrà conto dello stesso percorso realizzato in classe e parteciperanno attivamente con incontri ad hoc con gli esperti di alimentazione.

Verranno realizzati un portale web, un talent show culinario che vedrà sfidarsi i grandi sotto lo sguardo attento dei piccoli giudici e una mostra a tema food firmata dallo scultore Giuseppe Carta, che del cibo ha fatto il suo impegno artistico e sociale, allestita presso uno dei prestigiosi palazzi storici istituzionali della città di Napoli.

«Il peso eccessivo nei bambini è un problema – sottolinea Annamaria Staiano, presidente della Società Italiana di Pediatria – che con il Covid si è acuito. Si è registrato un aumento di peso di 4,5 kg nel 44% della popolazione ed è necessario un intervento. I figli sono spesso vittime delle cattive abitudini alimentari dei genitori. È importante trovare il modo giusto per trasmettere il messaggio ai piccoli, senza farli sentire obbligati a mangiare qualcosa che non vogliono. Rendere gustoso ciò che fa bene e insegnare loro che può anche essere divertente, stimolarli con giochi e attività dedicate alla loro fascia d’età, significa prevenire uno stile di vita scorretto e patologie future».

Dammi il 5 non si rivolge solo ai genitori degli studenti delle scuole partner, ma anche a tutti gli adulti interessati a uno stile di vita migliore e ai diabetici o pre-diabetici, per i quali l’alimentazione riveste un ruolo ancora più importante.

«Le persone con diabete sono raddoppiate negli ultimi 30 anni – commenta Agostino Consoli, presidente della SID, Società Italiana di Diabetologia –, nel 2016 erano oltre 3 milioni e 200mila. La diffusione di abitudini alimentari scorrette va combattuta attraverso l’educazione al cibo, anche con esempi pratici di ciò che è giusto mangiare e cosa è meglio limitare. Grazie al progetto, ai pazienti verrà consegnato un libro con indicazioni precise, ovviamente da rispettare sotto la supervisione del medico specialista».

A dare respiro internazionale all’iniziativa è il gemellaggio con Chefchaouen, la città blu del Marocco, una delle sette capitali della Dieta Mediterranea, Patrimonio dell’Unesco. 

A maggio 2022, a Tropea in Calabria, grazie alla collaborazione del sindaco Giovanni Macrì, prenderà vita il Festival dei 5 colori, una cinque giorni di arte, divulgazione e musica.

«Campania e Calabria sono le regioni più colpite da sovrappeso e obesità, ma i disturbi alimentari toccano tutto il Paese – conclude Maria Teresa Carpino, vicepresidente dell’associazione –. C’è necessità di fare informazione e di promuovere le abitudini corrette a tavola. È importante rivolgersi sia agli adulti in sovrappeso che ai piccoli e ai loro genitori. Attraverso contenuti divertenti per i bimbi e stimolanti per i grandi vogliamo trasmettere l’importanza di ciò di cui ci nutriamo».



VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?