Obesità e BPCO

Sanihelp.it – Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Canadian Medical Association Journal le persone obese sono più a rischio di sviluppare broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO): secondo i dati disponibili la BPCO è la terza causa di morte negli Stati Uniti.

Gli autori dello studio hanno analizzato i dati relativi a circa 113000 americani, di età compresa fra i 50 e i 70 anni, nessuno affetto da BPCO, cancro o malattie cardiache all’inizio dello studio.
Dopo 10 anni circa 3600 persone hanno sviluppato BPCO e per tutte loro sia che fossero fumatori o meno, l’obesità e in particolare un forte accumulo di grasso addominale si è rivelato un importante fattore di rischio per la BPCO.
Il fumo di sigaretta rimane il maggiore fattore di rischio per lo sviluppo di BPCO, ma anche l’obesità addominale, probabilmente per il fatto che determina numerose difficoltà respiratorie, favorisce l’insorgenza di BPCO.

Per ridurre il rischio di sviluppo di BPCO è necessario non fumare, cercare di essere esposti il meno possibile agli inquinanti ambientali, mantenere nella norma il proprio peso corporeo e svolgere regolarmente esercizio fisico per evitare di accumulare grasso sulla pancia. 

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...