HomeSalute BenessereSaluteIl fumo uccide sempre di più

Il fumo uccide sempre di più

Giornata Mondiale senza Tabacco 2012

Sanihelp.it – L'uso del tabacco è una delle principali cause prevenibili di morte. L'epidemia mondiale di tabacco uccide quasi 6 milioni di persone ogni anno, di cui oltre 600.000 sono persone esposte a fumo passivo. Se non mettiamo in atto azioni di contrasto, l’epidemia mondiale di tabacco ucciderà fino a 8 milioni di persone entro il 2030, di cui oltre l'80% di paesi a basso e medio reddito.

Il tema scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per celebrare la Giornata Mondiale senza Tabacco che si terrà il 31 maggio, è Le interferenze dell’industria del tabacco. La campagna si concentrerà sulla necessità di denunciare e contrastare i tentativi sempre più aggressivi dell'industria del tabacco di indebolire la Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco dell'OMS.

Mentre un numero sempre maggiore di Paesi si sta adeguando agli obblighi che derivano dall’adesione alla convenzione quadro dell'OMS, gli sforzi dell'industria del tabacco per indebolire il trattato stanno diventando sempre più forti.

Per esempio, nel tentativo di fermare l'adozione delle avvertenze sanitarie con pittogrami sui pacchetti di sigarette, l'industria del tabacco ha recentemente adottato la nuova tattica di denunciare i Paesi ai sensi dei trattati bilaterali per gli investimenti, sostenendo che gli avvertimenti incidono sulla possibilità delle società di usare i loro marchi legalmente registrati.

Nel frattempo, i tentativi per minare il trattato proseguono su altri fronti, con particolare riguardo ai Paesi che intendono vietare il fumo nei luoghi pubblici, vietare la pubblicità e la promozione e la sponsorizzazione del tabacco.

La Giornata Mondiale senza Tabacco 2012 intende rendere consapevoli i decisori politici e l'opinione pubblica circa le tattiche nefaste e nocive dell'industria del tabacco.

Infatti il preambolo del trattato riconosce «la necessità di essere attenti a tutte le azioni messe in atto da parte dell'industria del tabacco per indebolire o sovvertire gli sforzi di controllo del tabacco e la necessità di essere informati sulle attività dell'industria del tabacco che hanno un impatto negativo sugli sforzi di controllo del tabacco».

Nella Giornata Mondiale senza Tabacco 2012, e durante tutto l'anno seguente, l'OMS esorterà i Paesi a porre al centro dei loro sforzi per controllare l'epidemia globale del tabacco il contrasto alle interferenze dell'industria del tabacco.

Leggi anche gli approfondimenti della redazione di sanihelp.it:
Vuoi smettere di fumare?
Adolescenti: emergenza fumo

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...