HomeSalute BenessereSaluteDismenorrea: cos'è e come alleviare i dolori mestruali

Dismenorrea: cos’è e come alleviare i dolori mestruali

Sanihelp.it – Dismenorrea è il termine medico indicato per far riferimento ai dolori che si verificano a ridosso e durante le mestruazioni.

Quando si parla di dismenorrea, ci si riferisce ai dolori che sopraggiungono al basso ventre quando si è in procinto di entrare nel periodo delle mestruazioni. Si tratta di una condizione che può diventare particolarmente fastidiosa, oltre che di difficile sopportazione, fino al punto di rendere le attività quotidiane molto complesse.

Fra i sintomi più diffusi di questa condizione troviamo ad esempio i crampi, ma in realtà i dolori possono estendersi anche in altre parti del corpo, come la schiena e le gambe. Nell'articolo di oggi, dunque, ci concentreremo sulla vasta lista di sintomi e scopriremo insieme quali sono i possibili rimedi per diminuire questi dolori.

Quali sono i sintomi della dismenorrea?

Sono numerose le donne che si chiedono come alleviare i dolori mestruali, in special modo se si parla del mal di pancia e delle forti fitte che colpiscono il basso ventre. Questi sono i sintomi più diffusi, nonché i più fastidiosi, ma in realtà – come anticipato – la lista è piuttosto lunga. Innanzitutto i fastidi non sono uguali per tutte, dato che i dolori possono essere più o meno intensi, a seconda dei casi.

In generale, comunque, i sintomi più comuni della dismenorrea sono il mal di schiena, il mal di testa, lo stomaco gonfio, e alcune problematiche intestinali come la diarrea o viceversa la costipazione. Anche la nausea e il vomito rientrano in questo elenco, e lo stesso discorso vale per i capogiri, che alle volte possono anche tradursi in svenimento.

In secondo luogo, è opportuno sottolineare anche tutti i sintomi che sopraggiungono a livello umorale e psicologico. Si fa riferimento soprattutto agli sbalzi d'umore e al nervosismo, che sono in parte dovuti alle variazioni ormonali, oltre che ovviamente dettati dalla frustrazione e dagli stessi dolori.

Come diminuire i dolori e altre informazioni utili

In media i dolori mestruali dovuti alla dismenorrea durano dai 2 ai 3 giorni, anche se – come sempre – la questione può variare da donna a donna. Per quel che riguarda le soluzioni, ci sono alcune opzioni utili che possono alleviare questi fastidi.

I farmaci rappresentano un sistema spesso utilizzato per diminuire i dolori più forti che si verificano durante la dismenorrea primaria, come nel caso delle contrazioni spastiche che possono colpire l'utero. Si tratta più che altro di farmaci anti-infiammatori di natura non steroidea, come l'ibuprofene, giusto per citare uno dei più diffusi.

Chiaramente esistono anche alcuni rimedi della nonna, tramandati di generazione in generazione, e che in effetti riescono a regalare un po' di sollievo. Uno dei più classici è il bagno in acqua calda, dato che aiuta a rilassare i muscoli, così da diminuire gli spasmi muscolari. Alle volte vengono consigliati alcuni integratori, come quelli a base di vitamine e di minerali.

Anche gli acidi grassi polinsaturi Omega 3 possono dare una importante mano d'aiuto, e lo stesso discorso vale per alcuni rimedi tipici dell'erboristeria, come l'angelica.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...