Advertisement
HomeSalute BenessereSaluteAdolescenti e consumo di psicofarmaci

Adolescenti e consumo di psicofarmaci

Sanihelp.it – Durante il recente congresso della Società italiana di neuro‐psico‐farmacologia (Sinpf) è emerso quanto stia aumentando il consumo di psicofarmaci fra i giovanissimi.


Un sentore già chiaramente espresso dallo studio ESPAD®Italia 2022 condotto dai ricercatori del Cnr-Ifc, secondo il quale quasi 300.000 studenti hanno assunto psicofarmaci senza prescrizione medica nel 2022, soprattutto ragazze.

Scendendo nel dettaglio poco meno di 300.000 studenti delle scuole medie superiori, pari al 10,8% dei 15-19enni, hanno assunto psicofarmaci senza prescrizione medica nel corso del 2022.

Il dato, che aveva raggiunto la sua punta massima nel 2017 (11,3%) per poi scendere fino al 6,6% nel 2021, è quasi raddoppiato dallo scorso anno. 

 

«Da molti anni denunciamo questo fenomeno – spiega Sabrina Molinaro, ricercatrice Cnr-Ifc e

responsabile dello studio – di fatto gli psicofarmaci senza prescrizione medica rappresentano da

sempre la categoria di sostanze psicoattive più utilizzata dai giovanissimi dopo alcol e cannabis».

Si tratta prevalentemente di farmaci per dormire, utilizzati soprattutto dalla ragazze (10,8% contro

4,9% dei coetanei).

Minori prevalenze risultano per farmaci per l’attenzione/iperattività (quasi il 3,0%), per regolarizzare l’umore e per le diete (poco meno del 3% ciascuno), anch’essi usati più dalle ragazze: quasi il 4% contro l’1% dei coetanei.

Ciò che colpisce è il raddoppio in un anno degli studenti che ne riferiscono un uso frequente, che

passa dall’1,1% nel 2021 all’1,9% nel 2022, così come l’alta percentuale di ragazzi che ne riferisce

un uso per così dire competente, soprattutto tra le ragazze.

 

Se intorno al 5% degli utilizzatori riporta un generico consumo fuori prescrizione finalizzato allo sballo (era il 10% nel 2021), il 49% dei ragazzi che racconta di fare uso di farmaci per l’attenzione senza controllo medico dice invece di farlo per migliorare le proprie prestazioni scolastiche e il 64% di coloro che utilizza farmaci per le diete dice di farlo per migliorare il proprio aspetto fisico.

«Il 53% dei ragazzi che hanno utilizzato psicofarmaci senza prescrizione medica nel 2022 prosegue Molinaro- riferisce di averli utilizzati in precedenza anche sotto controllo medico».

Lo studio ESPAD®Italia rileva anche informazioni relative all’accessibilità rivelando che il 16% degli studenti è a conoscenza di luoghi in cui è possibile procurarsi facilmente psicofarmaci senza prescrizione medica, la categoria più facilmente accessibile è quella dei farmaci per dormire, mentre quelli per cui gli studenti riferiscono più difficoltà di reperimento sono i farmaci per l’attenzione.

Quasi il 50% degli utilizzatori sa di poterli trovare direttamente a casa propria, il 18,7% a casa di amici.

Esistono inoltre un mercato telematico di questi farmaci, come riportato dal 29% dei ragazzi, e un mercato fisico più tradizionale.

 

 

Video Salute

FonteCnr-Ifc

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...