Advertisement
HomeSalute BenessereSaluteVitiligine: scopri nuove possibilità

Vitiligine: scopri nuove possibilità

Sanihelp.it – In occasione della Giornata Mondiale della Vitiligine che si è svolta a fine giugno è stata lanciata la campagna La scelta è nelle tue mani. Vitiligine: scopri nuove possibilità con l’obiettivo di favorire l’empowerment delle persone affette da questa malattia, attraverso la promozione di una corretta informazione e l’abbattimento di qualsiasi forma di stigma.


La campagna è promossa da Incyte – società biofarmaceutica globale focalizzata sulla scoperta, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie innovative – con il patrocinio di SIDeMaST, Società Italiana di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse, e dell’Associazione pazienti APIAFCO.

«Ancora oggi la vitiligine viene spesso considerata una semplice condizione estetica e le persone che ne sono affette si trovano ad affrontare un percorso difficoltoso. – ha spiegato Valeria Corazza, Presidente dell’Associazione Pazienti APIAFCO –Il paziente con vitiligine sa bene cosa significhi la parola stigma: la progressiva alterazione dell’aspetto può portare, infatti, a un forte disagio psicosociale, generando ansia e depressione. Per le persone che convivono con la vitiligine, il ricorso alla psicoterapia è 20 volte più frequente rispetto alla popolazione generale. La nostra Associazione vuole accompagnare queste persone in un percorso di empowerment: una corretta informazione e il confronto con lo specialista sono i primi passi».

Proprio grazie a queste nuove consapevolezze qualcosa sta cambiando, come racconta il professor Giuseppe Argenziano, Presidente SIDeMaST, Società Italiana Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse: «Fino ad oggi, non esistevano terapie specifiche per il trattamento della vitiligine, aspetto che rendeva particolarmente complessa la gestione di questi pazienti da parte dello specialista dermatologo. Finalmente, invece, la ricerca ha fatto passi avanti e oggi la comunità scientifica dispone di nuove opportunità per gestire questa malattia. La campagna di oggi è importante per ricordare a tutti i pazienti l’importanza di confrontarsi sempre con uno specialista: la vitiligine è una patologia autoimmune, frequentemente associata ad altre comorbidità, e in quanto tale richiede una gestione consapevole».

Lo sviluppo della patologia dipende in parte da una predisposizione genetica e da fattori ambientali in grado di attivare il meccanismo autoimmune.

Può comparire a qualsiasi età, compresa quella pediatrica, ma la maggiore incidenza si registra tra i 20 e i 40 anni.

Il 15,3% dei pazienti affetti da vitiligine soffre di diverse comorbidità autoimmuni, tra cui ipotiroidismo (ne soffre 1 paziente su 6), artrite reumatoide e malattie infiammatorie intestinali 2 .

Questo aspetto rende ancora più importante il confronto con uno Specialista Dermatologo.

Tra le comorbidità a cui si associa la vitiligine, non sono da trascurare quelle di natura psicologica, dovute all’impatto significativo che questa condizione può avere sulla vita dei pazienti: la progressiva alterazione dell’aspetto può portare infatti a una scarsa accettazione di sé e a un disagio psicologico, generando ansia e depressione.

Per le persone che convivono con la vitiligine, il ricorso alla psicoterapia è 20 volte più frequente rispetto alla popolazione generale e le conseguenze della malattia sono ancora più invasive quando esordisce in età adolescenziale

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...