Advertisement
HomeSalute BenessereTumoriBasta poco per ridurre il rischio di tumore

Basta poco per ridurre il rischio di tumore

Tumori: prevenzione e terapie

Sanihelp.it – Ciò che forse non sappiamo è che basta sostituire una piccola parte di questi alimenti trasformati per diminuire tale pericolo. Lo afferma una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Lancet Planetary Health, secondo la quale è sufficiente sostituire anche solo il 10% di questi alimenti con altri poco lavorati per avere risultati.
In particolare il rischio si riduce del 4% per diversi tipi di tumore, ma molto di più per alcune forme, come il carcinoma dell’esofago a cellule squamose, il carcinoma dell’ovaio, del colon-retto e il carcinoma epatocellulare.
Assumere abitualmente alimenti elaborati si associa inoltre a problematiche quali l’obesità, per l’elevato numero di calorie e il basso valore nutritivo.
Gli scienziati hanno arruolato un gran numero di persone, oltre 450.000, senza diagnosi di cancro al momento.
Gli alimenti sono stati classificati in base al loro livello di elaborazione mediante il sistema di classificazione NOVA:
NOVA1 sono gli alimenti non trasformati o solo minimamente trasformati
NOVA2 alimenti con ingredienti culinari trasformati
NOVA3 alimenti trasformati
NOVA4 alimenti ultraprocessati.


«Le diete ricche di alimenti trasformati tendono ad avere una maggiore densità energetica, così come un elevato apporto di bevande alcoliche, che potrebbe aver in parte spiegato l'associazione tra alimenti trasformati e rischio di cancro in questo studio» hanno spiegato gli scienziati «quando le bevande alcoliche sono state rimosse dalla classificazione NOVA, le associazioni tra l'assunzione di alimenti trasformati e il cancro del retto, il carcinoma epatocellulare e il cancro al seno in postmenopausa sono diventate non significative, suggerendo che il consumo di alcol probabilmente ha guidato tali associazioni».

Questo studio è il più grande che sia stato fatto per associare il consumo di determinati alimenti e il rischio di tumori.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...