HomeTest e psicheLegge di Murphy, cosa dice davvero?

Legge di Murphy, cosa dice davvero?

Se qualcosa può andar male, lo farà

Sanihelp.it – Tutti siamo stati, almeno una volta nella vita, vittime della famosa legge di Murhpy. Ma è davvero una regola o piuttosto un modo di vedere le cose? 

Per chi non ha familiarità con questo concetto, si tratta di una legge empirica (basata sull'esperienza comune, non su principi o metodi scientifici), che se qualcosa può andare storto, lo farà. Un po' fatalista? Certamente, ma non stupido.

Alcuni la chiamano anche la legge del pane imburrato e capirai subito:

«È l'applicazione di questa legge che fa cadere il pane dalla parte del burro (…) è anche attraverso di essa che se le chiavi della tua macchina ti sfuggono, c'è quasi sempre un tombino ad accoglierle». – (Lionel Hubert, Uomo chi sei allora?, 1988)

Fu un ingegnere aerospaziale americano, Edward A. Murphy Jr, ad articolare per primo il principio della legge di Murphy:

«Tutto ciò che può andare storto, andrà necessariamente storto». Tuttavia, secondo uno dei suoi figli, avrebbe preferito dire: «Se c'è più di un modo per fare qualcosa, e uno di questi porta al disastro, allora ci sarà qualcuno che lo farà in quel modo».

Oggi, se questa legge viene spesso interpretata in chiave umoristica, la sua premessa non è proprio una barzelletta, presumendo che il peggio è sempre certo, richiamando il principio disfattista della legge di Finagle.

Quindi dovremmo vivere nella paura della Legge di Murphy, come se fosse una spada di Damocle sospesa sulle nostre teste? Sarebbe un punto di vista pessimista.

Piuttosto, dovrebbe essere vista come una lezione che ci ricorda l'importanza di considerare tutte le possibilità, anche le più improbabili o sciocche, per scegliere il meglio ed evitare così tanti incidenti… ad esempio scegliendo di non correre con un caffè caldo tra le mani mani!

Superare in astuzia la legge di Murphy mettendo le probabilità a suo favore? È un po' così… Ma è soprattutto un precetto che si dimostra molto utile, addirittura essenziale, nello sviluppo di principi ingegneristici o di progettazione della sicurezza e persino nella politica.

In seguito, qualcuno però potrebbe obiettare, come scrisse Mark Twain, che «la catastrofe che finisce per accadere non è mai quella per la quale ci siamo preparati»

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...