Advertisement
HomeTest e psicheL'impatto dello stress sul nostro cervello

L’impatto dello stress sul nostro cervello

Perché lo stress è nemico del cervello

Sanihelp.it – Lo stress svolge un ruolo biologico importante per molti organismi viventi. È una normale risposta biologica a una qualsiasi forma di sollecitazione interna (es. malattia) o esterna (es. eventi traumatici, cambiamenti di vita importanti, lavoro, esercizio fisico, ecc.). Tuttavia, l'esposizione ripetuta o prolungata allo stress può avere un impatto dannoso sul nostro cervello.


Che cos'è lo stress?

Il termine stress è stato introdotto in medicina nel 1936 dal dottor Hans Selye, endocrinologo dell'Istituto di Medicina e Chirurgia Sperimentale dell'Università di Montreal in Canada. La sua definizione, basata sulla fisiologia e sulla psicologia, era la seguente: 'una risposta (generale) aspecifica a qualsiasi richiesta (demand) proveniente dall'ambiente'.

Lo stress, che fa parte della nostra vita quotidiana, si riferisce a diversi aspetti:

– l'agente che provoca la reazione;

– la reazione stessa;

– lo stato risultante dalla reazione.

A cosa serve lo stress?

Lo stress è una reazione che ci aiuta a adattarci ai cambiamenti che si verificano nell’ambiente o in noi stessi. È un meccanismo di difesa dell’organismo. Agisce sui vari sistemi che hanno lo scopo di mantenere:

– le nostre funzioni vitali;

– i nostri organi vitali;

– il nostro cervello.

Per il nostro organismo e la nostra salvaguardia, lo stress è soprattutto un insieme di reazioni del nostro corpo a una situazione minacciosa o nuova. Lo stress psicologico percepito innesca reazioni protettive.

Questo è ciò che ha permesso ai nostri antenati di sopravvivere (di sfuggire ai pericoli adattandosi a nuovi ambienti, ai cambiamenti e all'evoluzione). Oggi, i fattori di stress comprendono situazioni sociali di vario grado di sensibilità, come:

– una minaccia verbale;

– un esame;

– una competizione;

– problemi finanziari;

– preoccupazioni familiari;

– un incidente;

 – un rumore;

– ecc.

Che impatto ha lo stress sul cervello?

L'esposizione prolungata allo stress ha effetti importanti sul nostro corpo e sul nostro cervello.

Di fronte allo stress, il nostro corpo deve reagire. Numerose strutture cerebrali, coinvolte nelle emozioni e nella coordinazione, contribuiscono a mobilitare le funzioni corporee per provocare comportamenti utili a salvarsi:

l'amigdala: parte del nostro cervello vicina all'ippocampo, essenziale per la nostra capacità di sentire e percepire le emozioni. Ha un ruolo nel riconoscimento delle emozioni e nell'attivazione della reazione;

l'ippocampo: coinvolto nella regolazione dell'umore, nell'acquisizione delle conoscenze e, più in generale, nell'adattamento all'ambiente;

la corteccia prefrontale: una struttura cerebrale situata nella parte posteriore della fronte, centro del processo decisionale e chiave di volta della nostra compostezza.

Tutte queste aree cerebrali reagiscono agli stimoli a livello biologico rilasciando neurotrasmettitori e ormoni.

In risposta allo stress, il nostro corpo, attraverso le ghiandole surrenali, secerne un ormone chiamato cortisolo. Questo ormone viene rilasciato finché la situazione viene percepita come allarmante. Quando il livello di cortisolo nell'organismo è elevato per un periodo prolungato, aumenta il rischio di sviluppare disturbi:

– depressione;

– ansia;

– stress post-traumatico.

Infatti, la presenza prolungata di cortisolo nel nostro corpo aumenta la permeabilità della membrana emato-encefalica. Questa membrana solitamente protegge il cervello isolandolo da ciò che accade alla periferia del corpo. Diventando più permeabile, permette alle proteine infiammatorie di passare dal corpo al cervello. Questo fenomeno crea una neuroinfiammazione che rimodella il cervello, modificandone la struttura e la funzione, in particolare nelle tre regioni cerebrali sopra descritte che sono altamente sensibili ad esso:

l'ippocampo: in caso di stress prolungato, questa regione si restringe, causando problemi di memoria e difficoltà di apprendimento. Una riduzione del volume dell'ippocampo può anche portare all'insorgenza di sintomi depressivi;

la corteccia prefrontale: lo stress cronico rallenta la sua attività, compromettendo il processo decisionale, la risoluzione dei problemi, la concentrazione e la pianificazione;

l'amigdala: la sua attività aumenta in risposta allo stress. Ciò influisce sulla regolazione emotiva, che può portare a un aumento dell'ansia nelle persone soggette a stress cronico.

Gli studi dimostrano che questi effetti sul cervello sono reversibili ed evitabili.

Come si può proteggere il cervello dagli effetti nocivi dello stress?

Per contrastare gli effetti nocivi dello stress è necessario agire. L'attività fisica o mentale può deviare i suoi effetti.

Per imparare a gestire lo stress, è necessario:

– ascoltare il proprio corpo e la propria mente per individuare i primi segnali di stress e anticiparne gli effetti nocivi;

– imparare a riconoscere i fattori di stress che ci circondano;

– comprendere le nostre reazioni a questi fattori di stress per poter agire in modo più efficace, sia mentalmente che fisicamente;

– trovare un'attività di "canalizzazione dello stress" adatta a ciascun fattore di stress.

Queste attività di "canalizzazione dello stress" comprendono:

rilassamento mentale: meditare, rilassarsi, ascoltare musica, dipingere, scrivere, parlare con gli amici, ecc;

– la meditazione informale mindfulness, che consiste nel concentrarsi su un compito banale concentrandosi su dettagli come l'odore, il tatto, la temperatura, ecc. Questo riduce i livelli di stress e aumenta la sensazione di benessere mentale;

rilassamento fisico: praticare attività fisica, camminare, correre, andare in bicicletta, nuotare, fare lavori domestici, giardinaggio, ecc;

– La respirazione profonda fornisce ossigeno e stimola il sistema parasimpatico, che abbassa la frequenza cardiaca e aiuta a calmarsi.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...